lunedì 29 agosto 2016

Una vita che mi piace

L'estate volge dolcemente al termine e oggi è il primo giorno effettivo in cui posso sedermi e dedicarmi alla condivisione attraverso la scrittura. Rispetto all'anno passato questi mesi sono stati fluidi, più armoniosi. Le persone che mi circondano, senza nulla togliere a chi frequentavo lo scorso anno e che è stato importante per il mio percorso, rispecchiano questa nuova fase.

Sicuramente un'estate fa c'erano tanti movimenti energetici, seguivo i satsang di un maestro illuminato, ve ne ho parlato qualche volta. Tanta spazzatura è uscita fuori, molto è stato messo in discussione. Allora sinceramente non avevo idea di cosa mi stesse accadendo, c'erano momenti in cui credevo di essere fuori di testa e le persone intorno a me erano così impegnate nel loro viaggio interiore da non potersi occupare di me.

A distanza di tempo mi rendo conto di essere stata coraggiosa a mettermi in discussione in quel periodo ma adesso so che non devo farlo sempre. Voglio dire che la mia voce interiore ora è più forte di chiunque altra e parla chiaro, davvero. Sono grata per la relazione che vivo da due anni, non è stata affatto facile ma si tratta di un potente lavoro interiore. Non so spiegarvi quanto ho imparato di me stessa in questo tempo e il valore è incalcolabile. 

La relazione a due mi ha insegnato il valore della relazione più importante della mia vita: la relazione con me stessa. Questo rapporto, con il mio intimo, viene prima di qualsiasi altra persona al mondo. Non si tratta di egoismo ma di sano amor proprio, che tutti dovremmo coltivare e che è alla base di tutte le nostre connessioni.

Questi mesi sono stati ricchi di sorprese, paesaggi, volti. Ho fluito nel nuovo e superato gli ostacoli, ogni volta avvertendo che il mio terzo chakra, che in passato avvertivo debole, si stava potenziando. Ma ho voluto che si sviluppasse di pari passo con il cuore perché il potere personale diventa pericoloso se non sgorga dall'amore. 

Ho lavorato tanto con il mio banchetto mandalico, addirittura sono finita in Abruzzo per una magica festa dedicata agli gnomi e questo viaggio, ricco di comprensioni, mi ha ricordato quanto sia importante per me il bosco, il verde che qui in Salento, con i suoi paesaggi estivi da Far West, purtroppo scarseggia nonostante il mare meraviglioso. 

Tra i miei propositi per il nuovo tempo ci sono:

  • Ritorno al centro di meditazione
  • Ritorno a yoga
  • Scrivere e leggere tanto (Proprio stanotte ho iniziato a leggere il seguito di Shantaram, l'Ombra della Montagna)
  • Organizzare un lungo viaggio
  • Rivedere i miei maestri di vita, che arriveranno presto
Voi come state, avete trascorso una magica estate o è stato un periodo di prove? Quali sono i vostri propositi, se ne avete?


Un dolce abbraccio,

Chandana