domenica 30 dicembre 2012

Lady P ovvero come fare la pipì in piedi (per donne)

Questo Natale il regalo per eccellenza è stata la Lady P
Chi poteva regalarmelo se nientepopodimenochè la mitica Giò?
Che poi è anche la persona che all'epoca mi fece conoscere questa piattaforma.
La Lady P è un comodo imbutino in silicone che permette a noi donne di fare la pipì in piedi sublimando questa grande invidia nei confronti degli uomini. :P
Mai più acrobazie negli autogrill o nei bagni pubblici e forse neanche più in treno!
Dico forse perchè sto imparando ad usarla  ;)
Sicuramente verrà con me in India,il nostro sarà un viaggio da backpapers quindi non ho la minima idea delle situazioni nella quali andremo a cacciarci!

Se volete conoscere meglio la Lady potete cliccare qui



Immagine presa da qui

E potete anche aggiungervi al gruppo su facebook : imbutino plin plin

Donne cosa state aspettando?
Andate a curiosare sul sito ;)

giovedì 27 dicembre 2012

The Sprockets nel Salento

Sono intensi i nostri giorni di vacanza,siamo immersi tra parenti e amici che "scendono" nel Salento per le Feste.
Sono in tanti a vivere in altri regioni d'Italia, quindi si approfitta di questi giorni per trascorrere del tempo insieme.

Voglio farvi vedere questo collage che ho creato dopo aver assistito ad uno spettacolo degli Sprockets


Per chi non li conosce: sono degli artisti giramondo che si muovono a bordo di un double decker verde. (Ne ho parlato anche qui sul mio nuovo blog dedicato ai Viaggi)
Sono stati in tantissimi posti nel mondo ,esibendosi anche dinanzi al sultano del Brunei.
Potrebbero passare anche nelle vostre città, quindi eventualmente non fateveli scappare!

Andare a vedere gli Sprockets mi ha permesso di tuffarmi in mezzora di leggera allegria, ma anche nell'atmosfera di uno dei tanti piccoli comuni del Salento.
Infatti in attesa dello spettacolo,siamo arrivati in netto anticipo, abbiamo gironzolato per la piazza,respirando suggestioni....




Questa è la mia terra,dalle molteplici facce.



Puoi detestarla perchè è lontana da tutto,le distanze sono amplificate,non offre lavoro ma...la Sua Magia ti cattura sempre...e non puoi fare a meno di amarla...




Dopo lo spettacolo degli Sprockets (che si fermeranno qui ancora qualche giorno) non abbiamo perso l'occasione per fare un giro a Lecce, respirando l'aria natalizia




                                      

                                            


                                     


E oggi ci attendono altri incontri di anime e progetti nascenti ...

venerdì 21 dicembre 2012

Yule,solstizio d'inverno e la fine del mondo

Eccoci qui ancora vivi.
Perchè avevate dei dubbi al riguardo?
Non ho mai creduto a questa fine del mondo, ma ho pensato male che vada andremo a Cisternino che da qui non è poi così lontano. Ah ah ah :-)
Cisternino uno dei luoghi della salvezza, come hanno detto i mass media in questi giorni.
Il mondo finisce ogni giorno e la mia fine del mondo c'è stata tanti anni fa.
Eppure eccomi ancora qui, più forte di prima.
Perchè dopo ogni fine c'è sempre una rinascita.E' il ciclo della vita.

Come tutte le mattine sono uscita per andare al corso, la mia casa negli ultimi tempi.
E' una classe composta da sole donne.
Credo che a questo punto siamo tutte un pò stanche eppure ....un incanto ci lega.
La nostra è una classe particolare.
Non sono mancati i momenti infuocati, gli screzi, le incomprensioni ma mi sono resa conto che c'è tanto cuore fra queste piccole grandi donne che arricchiscono le mie mattinate.
Si è andato oltre, quando ci sono stati degli screzi tra alcune,forse causati più  dallo stress o dalle tensioni accumulate a causa dei ritmi di vita adesso più serrati per tutte.

Stamattina abbiamo festeggiato la fine del mondo nella sala caffè improvvisata , alcune di noi hanno portato dei dolci e qualcosa da sgranocchiare e siamo state stranamente tutte insieme.Infatti solitamente durante la pausa il gruppo si spacca in due.

Oggi è Yule, solstizio d'inverno.
 il Vecchio Sole muore e si trasforma nel Sole bambino com'è scritto qui

Non farò nulla di particolare, porterò semplicemente l'attenzione su questo e accenderò un incenso come mio solito, farò una meditazione che mi è stata insegnata in questi giorni augurando il meglio alle persone che mi circondano e alla Terra.

E voi, come avete trascorso questa giornata?


Immagine presa da qui



mercoledì 19 dicembre 2012

SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!

Amici e visitatori del blog, sono felicissima.
La legge sulla regolamentazione delle associazioni professionali è stata approvata.
Potete controllare qui sul mio blog dedicato al counselling a mediazione corporea.
Di cosa si tratta?
Beh, questo è un grandissimo passo per noi counsellor e per tutti gli altri professionisti che finora  hanno dovuto lottare per avere questo riconoscimento.
Adesso siamo riconosciuti come dei professionisti a tutto tondo :) (lasciando perdere le polemiche di chi ha remato contro, senza riuscirci).
Posso dirvi che per noi  è un evento da festeggiare.

Questo mi fa riflettere.Voglio dare il massimo riguardo questo percorso.
E' la mia strada.
E se ho rimandato di un paio di mesi il viaggio della mia/nostra vita è anche perchè sto lottando per costruire solide basi per la mia professione.

In questi giorni così delicati per me ci voleva una notizia così!
Volo.... :-)

Ieri è stata una giornata intensissima per me/noi e che si è coronata con una piccola festicciola improvvisata al centro di meditazione.
Due membri del gruppo hanno portato dei dolcetti fatticonamore con le  loro manine e così dopo danze sfrenate sulle musiche di Veeresh e una meditazione sull'ascolto basata su un discorso di Corrado Pensa abbiamo trascorso del tempo insieme mangiucchiando e chiacchierando...insomma stavolta hanno celebrato i nostri palati :)



Immagine presa da qui

On air:
Veeresh, Angel





giovedì 13 dicembre 2012

Luna nera,luna nuova

Questa mattina il vetro della mia macchina era completamente ghiacciato, è veramente strano che dalle mie parti si notino questi particolari al mattino!
Eppure anche quando sono uscita in macchina dal paese, attraversando le stradine sgangherate che costeggiano le campagne, mi sono immersa in uno spettacolo fatato.
Ai piedi degli amici ulivi era tutto bianco!
Avevo voglia di fermarmi e contemplarlo, ma era un pò in ritardo.
Certamente ai contadini non sarà piaciuto, spero non ci siano stati danni.

Oggi non ho ricevuto una bella notizia, ho un piccolo problemino di salute pare.
Poi ho scoperto che stanotte c'è la luna nera, luna nuova, ed ho capito che oggi è comunque un nuovo inizio, comunque vada.

Questo è il momento in cui il cielo appare completamente buio da darci la sensazione di perdita d'orientamento, d'abbandono, ma la luna non è assente è solo non visibile.

Comunque vada mi sento protetta.
Andrà tutto bene.




martedì 11 dicembre 2012

Visioni e tradizioni


Inizio questo post condividendo con voi lo spettacolo che mi ha emozionata l'altra mattina, appena sveglia



Mamma Luna, è bella vero?
Quando ho messo fuori il naso in giardino non potevo credere ai miei occhi.
Così bella, grande, inaspettata!
La "mia" dolce Luna :)


Ogni mattina percorro, in macchina, le stesse stradine sgarruppate,costeggiando ulivi maestosi dalle fronde generose.
Ieri, in particolare, il sole filtrava come un incanto tra questi alberi antichi, la campagna verde  appariva, a tratti, dorata.

E a volte gli occhi già carichi di colori meravigliosi,si spalancano dinanzi  immagini splendide come dipinti.
...Una coppia di vecchietti,lui chino sui campi, lei intenta ad armeggiare con la ramazza, che tenerezza!
Sembravano pieni di vita.

Non so nelle altre parti d'Italia, ma qui sono giorni di tradizioni.
Il giorno prima dell'Immacolata c'è stato il consueto  "digiuno", che poi è più un'astinenza dalle carni
In quest'occasione a pranzo si mangiano le pucce con le olive nere imbottite con la scapece o con il tonno, si mangiano le verdure.
La sera poi si fa la cena completa.
Mi piace rispettare queste tradizioni,anche se in parte perchè sono vegetariana ( e quindi mi pappo pucce "vuote"o condite diversaMente e verdure ) tuttavia quest'anno ci ha pensato V al pranzo e quindi ha dilettato il mio palato con una zuppa di porri e patate.

In quest'occasione si gustano anche le pittule

Ecco qui quelle fatte da mia suocera, che però abbiamo gustato a casa sua, l'indomani.



Le mie preferite sono quelle "vuote" che vedete in basso a destra, tuttavia anche le altre, alla pizzaiola, sono buone!
Ma da mangiare un paio di volte l'anno perchè sono delle vere bombe fritte!

Vorrei raccontarvi tante cose, in questi giorni ho una voglia immensa di scrivere, ma devo correre a prepararmi, tra poco andrò nel nido in campagna , a meditare con il mio amato cerchio.
Trall'altro oggi è anche una giornata speciale per il mio cammino spirituale :)
Un abbraccio

Chandana.


sabato 1 dicembre 2012

Germogli

Ieri siamo stati al Naturasi e finalmente ho acquistato il germogliatore della Geo, che avevo già adocchiato la scorsa volta.
I primi germogli che vedranno la luce sono quelli di fieno greco bio.
Che emozione, i miei primi germogli!

Il vaso germogliatore è proprio uguale a questo

foto presa da qui

E' pratico ed economico, ma potete anche ricavarlo da un barattolo e una garza.
Cerco di mangiare in modo più sano, anche se ho ancora tanta strada da fare!

In questi giorni V è andato a fare la raccolta delle olive in campagna di mia nonna.
Lei acquista l'olio da una sua amica, per comodità, ma le fa piacere che  le sue olive vengano raccolte.
E così lui è andato e le ha già portate al frantoio : due quintali e mezzo!
Lunedì l'olio sarà pronto e quest'anno avremo l'olio nostro, a km 0!!!!E bio!
Che soddisfazione!
Purtroppo non sono riuscita ad aiutarlo per via degli impegni, ma la prossima volta voglio esserci.
Intanto in un paese salentino domattina ci sarà la raccolta pubblica delle olive: raduno alle 7 e tutti insieme a darsi da fare, immersi nel verde.Che bella iniziativa, vero?

E' sabato sera e noi siamo in casa, siamo usciti prima a sbrigare le nostre cose e spupazzare il nipotino, ma proprio non ci va più di andare per locali, fare la solita vita mondana.
Preferiamo stare in casa (la nostra Casetta Arcobaleno!), risparmiare e poi ogni tanto partire per un viaggetto.
Niente spese superflue, abiti alla moda o accessori firmati.
Non beviamo alcolici, non fumiamo.
Probabilmente daremo un'immagine noiosa se visti dal di fuori, ma chi ci conosce sa che siamo sereni e in realtà non ci annoiamo proprio, anzi!
Non giudico chi sceglie di spendere i propri soldi in oggetti, ma noi stiamo seguendo quest'altra direzione che ci è più affine.

Stiamo progettando una nuova vita, ancora più su misura per noi.
E una casa ancora più piccolina di questa che ci faccia da Base, la casa in cui ci siamo conosciuti da bambini, e abbiamo giocato,la casa della mia mamma.
Ma ci vuole tempo, pazienza...in poche parole lentezza e questo mi piace perchè così possiamo assaporare ogni istante, gesto.

Vi lascio con questa immagine che ho trovato tempo fa nel web,mi assomiglia un bel pò :)






Just breathe

Buona giornata.


Just Breathe

giovedì 29 novembre 2012

le serate che piacciono a me

E' strana la vita.
Nella Casetta Arcobaleno accadono cose buffe.
E' venuto fuori un lato di V che prima che se ne stava timidamente in un cantuccio.Si tratta della sua passione per la cucina!
Al contrario io ho capito che cucinare non mi piace poi tanto, in questo periodo.
E così da un pò di tempo mi stupisce con le sue ricettine.
Ieri sera, per esempio,ha improvvisato una cenetta da leccarsi i baffi.

Guardate cosa mi ha preparato:



Vellutata di porri e patate.
Gustosa, calda e soprattutto fatta con amore .

E' stata una bella serata tra le mura domestiche.
Un pasto caldo, il calore della stufa, l'allegria della nostra pelosetta, l'armonia che c'è tra noi.

E non potevano mancare le castagne, almeno quelle preparate da me :)




E intanto ricevo belle notizie, anime che ho intrecciato nel cammino spirituale, tra un gruppo di meditazione e l'altro, che sono in procinto di partire per l'India.
Mamma India con le braccia spalancate, pronta ad accogliere e far vedere ogni suo lato.
Che emozione sapere di queste partenze!

E noi che ancora non sappiamo quale itinerario seguiremo...è ancora tutto da vedere ed io non sto più nella pelle!!!

Ma adesso, vi devo lasciare e lo faccio con un'altra cartolina da Ugento.


martedì 27 novembre 2012

Thank You


The moment I let go of it was
The moment I got more than I could handle
The moment I jumped off it was
The moment I touched down

riascoltando Alanis Morissette...

Tra poco uscirò per andare nel mio luogo magico , con il cerchio.
Ho aspettato questo giorno per tutta la settimana,quei momenti di meditazione insieme a loro sono fondamentali per me.


Oggi, di ritorno dal corso, ho scattato qualche fotina 


                                                                     Ugento








                                                                Villa antica







                                      Sulla strada del ritorno, fra le campagne salentine







                                                             La casetta sull'albero!!!

lunedì 26 novembre 2012

momenti magici

L'amore è come la nebbia, esiste ma non puoi toccarlo.

 Pensieri che passavano stamattina nella mente, mentre andavo al corso, percorrendo stradine sgarruppate di questo Salento dai tanti volti.
 (Che poi non è vero, io tocco l'amore quando abbraccio il mio V, gli tengo la mano, lo bacio).
 Ogni mattina m'imbatto in paesaggi diversi, le stesse campagne non appaiono sempre uguali.
Un giorno c'è il sole, il giorno successivo sono avvolte dalla nebbia che dona un'atmosfera fiabesca.
 I contadini sono sempre presenti, adesso è stagione di olive e c'è chi ha già l'olio nuovo a casa.
 A noi, per esempio, è stato donato da un amico di V, perchè qui è così.
Mi hai  accompagnato al frantoio, voglio donarti l'olio.
Mi piace questo percorso mattutino, lo prendo come uno spazio tutto mio, un viaggio all'interno del territorio.
Appena esco dal paese, sulla destra, incontro; una casina sull'albero che mi piace tanto.
Ogni volta penso che dovrei scattare una foto ma non lo faccio mai.
Poi c'è l'immancabile Ape col contadino che va a lavorare e quest'immagine mi fa ripensare al bisnonno che andava a trovare  la sua terra anche quando il suo fisico non poteva quasi più permetterselo.
Ma la campagna era un richiamo, una sete che doveva placare.
 Ciao nonnino caro, ovunque tu sia.
Ninetto.
 Cammina cammina poi Ugento appare all'improvviso a riempire i miei occhi stupiti.
 Mi affascina questo paesino appollaiato su un colle.
Ugento, che prima si chiamava Ozan, antico centro della comunità messapica.






Foto da qui


Uno dei momenti belli di questa giornata :
 Una collega mi ha chiesto un passaggio per poi invitarmi per un caffè. Mi ha aperto il suo mondo, si è confidata e non me lo aspettavo.
 Piccole sorprese che cambiano l'andamento della giornata e l'arricchiscono di quelle sfumature che nel cuore diventano emozioni.





foto presa da questo  sito














Sabato abbiamo fatto una piccola pazzia. Ci siamo infilati in macchina, macinando un pò di chilometri, per andare a conoscere C., una donna speciale.
Mi sono innamorata delle sue parole, del suo modo di scrivere.

Non potevo perdere la presentazione del suo ultimo libro proprio qui nel Salento.
Non mi era mai accaduto di piangere mentre leggo e con C. capita spesso di commuovermi.
Durante la presentazione del libro, sono state fatte delle letture e mi ha colpito quello che ha detto l'attore

quando ho letto questo libro, in una notte, ho pianto

perchè lei è così...ti emoziona.
Un pugno nello stomaco.







Foto presa da qui





Grazie C. !!!!

mercoledì 21 novembre 2012

I feel good!Yeah!

Si mi sento decisamente bene!
E sorrido mentre scrivo.
Anche se questa pioggia ha arrecato alcuni danni.
Ad esempio oggi ci siamo accorti che in bagno piove e c'è un infiltrazione d'acqua in soggiorno..chissenefrega perchè I feel good!

Oggi sono tornata al corso e le mie nuove amiche avevano portato ciambella e "salame" al cioccolato.
Come rendere appetitosa una giornata uggiosa!

Il salamotto in realtà era per venerdì, ma non c'ero e così : "Te lo conservo a casa mia per quando torni".
Poichè mi  ero rimpinzata di ciambella, avrei mangiato a casa la mia porzione di "salame", magari dopo pranzo.

In realtà a casa ci sono arrivata un'ora dopo del previsto...ruota bucata...
E' dovuto venire V a recuperarmi e poi abbiamo cucinato insieme nella nostra cucina dei Puffi, piccina picciò.

Nel pomeriggio abbiamo preso il caffè ed quando ho aperto la stagnola per condividere il dolce che mi era stato donato...magia.
C'erano due fettine, adagiata una accanto all'altra, e sapete che in quell'istante mi sono emozionata?
E' come se avessi visto la mia amica fare il dolce e poi mettere da parte le due fettine con cura e amore, quegli stessi ingredienti magici con i quali ha arricchito la ricetta.
L'ho vista chiuderle nella stagnola e portarmele, già immaginando con chi le avrei condivise.
Le ha preparate per noi.

Piccole magie quotidiane.


E poi questo pomeriggio lui, V, che mi dice
Vai a meditazione che ti piace.
Mi sento stanca, poi fuori piove ed è tardi.
 Vai, che stai bene, Vai
e lo dice sorridendo.


Questo è amore.

 E così mi sono vestita al volo, infilata in macchina e via!
Lungo il tragitto pensavo che durante il let go mi sarei addormentata di sicuro ( la mente se le inventa tutte pur di farci desistere!).

Poi...
La campagna di sera al buio, le converse che affondano nella terra,  il cancello semiaperto (e so che questo vuol dire puoi entrare, è tutto pronto,ho pulito e riscaldato l'ambiente,acceso un incenso, preparato l'acqua con i bicchiere nel caso abbiate sete)
Calpesto le foglie rosse e gialle d'autunno, saluto quei luoghi tanto amati.
Entro.

La N.mi viene subito incontro con quel suo sorriso radioso e mi abbraccia.

(Ricordo che una volta, una di noi, la chiamò maestra e lei iniziò  immediatamente a sbellicarsi di risate e non finiva più di ridere...
Rideva e rideva.
Rideva forse di se stessa e dell'idea di vedersi come una maestra.

Poi, quando la risata si esaurì,ci disse  che lei non si sente così , che maestra è una parola che non le appartiene.Che se c'è un maestro è C., che ieri affettuosamente ho chiamato Baba, il nostro dolce e pestifero C.
Questo è stato un piccolo episodio,una pallina su quel mala che rappresenta il legame con lei.Un episodio che mi ha parlato dicendomi: di questa persona ti puoi fidare, è autentica, non si fingerà mai diversa da ciò che è realmente....)

E poi sono arrivati gli altri.
E stasera in quel posto magico abbiamo cantato un mantra intorno alla luce suffusa della candela.
E nel canto il mio cuore si è sciolto ed ho pianto di commozione per mia nonna.
Non la stavo pensando, ma all'improvviso è arrivata.
Mi ha colta di sorpresa anche questa volta.

(Lei sempre dura,come un maresciallo, come suo padre che un maresciallo lo era davvero.
Lei, come una dura corazza che nasconde chissà quali tesori.
Alcuni sto imparando a scoprirli.)

In quel dolce pianto mi sono sentita sostenuta dal gruppo.
Ognuno era dentro se stesso eppure tutti insieme.
E' questo il bello delle meditazioni di gruppo e del posto magico che è come-quei- luoghi -che- non -esistono -sulle -cartine.

Lo scopri solo se ci devi arrivare
dissi una volta ad una persona che per caso, c'inciampò dentro e amò quel luogo al primo istante.

Ma chi non lo ama?

Ognuno ha un luogo dell'anima.
La mia anima è legata a questo.














lunedì 19 novembre 2012

Incenso e miele

Stamattina avevo già scritto questo post sul decluttering, ma ecco che sale l'impeto di scrivere e sono talmente piena di emozioni che voglio esplodere qui.

L'ho avvertito stamattina quando ho aperto gli occhi che sarebbe stata una giornata speciale.
Mi sono svegliata  e volevo sforzarmi di andare lì nonostante mi avessero consigliato di concludere la convalescenza a casa.
 Una vocina mi diceva devi andare e così mi sono alzata, compiendo i soliti gesti.
Ma c'era un'altra voce che è la sua e sussurrava follow your sensations e lì ho capito che un sussurro può arrivare a colpire forte nell'anima.

Le persone care attorno a me sono come cerchi, ci sono quelli più vicini fisicamente,  il mio amore,i fratelli, i nostri parenti stretti, e quei cerchi con i quali si entra in contatto poche volte nella vita e devono essere poche perchè sono quelle sufficienti a sconvolgerti.
Cerchi che si avvicinano e si allontanano ma vibrano sempre.

Baba e la sua-amata-gemma -splendente,sono tra questi.
Ho visto due volte nella vita lui e tre lei eppure sono sempre nel mio cuore, nella mia anima.
Sono innamorata di loro, di quel bene puro e incondizionato.
E' come se li conoscessi da altre vite.

A volte scrivo al Baba e le sue parole di risposta,mi saziano talmente a lungo che poi passa davvero del tempo prima che mi faccia sentire di nuovo.
Parole così rare al mondo.
Le leggo e mi colpiscono e le lascio sedimentare dentro di me.
Poi ogni tanto, da quelle parole depositate nel mio cuore, arriva uno scintillìo ed io mi rendo conto che sono lì, a svelarsi in momenti inaspettati.

Si dice che  Baba sia stato davvero un sadhu e poi le strade della vita lo abbiano portato lì, dalla sua-amata-gemma-splendente.
Hanno seguito un anelito di vita, loro e due, e poi si sono incontrati lontano da casa.
Lei è bellissima con quella sua luce pura e splende davvero .
Lei  ti vede per quello che sei realmente.

Me ne parlava sempre la N. e li immaginavo in un certo modo.Quando poi, dopo anni, li ho conosciuti erano davvero così come nelle mie fantasie, ma è stato tutto così naturale che non c'era neanche da stupirsi.

A volte con N. ne  parliamo. Il nostro sentire è comune:  non abbiamo mai conosciuto delle persone così prima d'ora.

Anime libere, pure, luminose, gioiose, fresche.

Follow you sensations

E oggi ho scritto ad una persona e la sua risposta mi ha inondato il cuore di gioia, vado in India, mi dice.
Mi si è sciolto il cuore, incenso mischiato a miele.

E poi penso che il Baba e la sua-amata-gemma-splendente  saranno presto in India, anche loro.
E' bello sapervi tutti lì.
Mi basta questo, è come se mi diceste
Vi aspettiamo comunque vada.

Questa India che mi corteggia e inebria la mia anima, che mi chiama.

Vieni, venite.
Vi farò vedere.
Cose che non sapete.

Strana giornata di pioggia.

Follow your sensations

E poi arriva una telefonata per noi due, per un videoclip.
Ci guardiamo stupiti

Cosa rispondiamo?Accettiamo?
Mi vien da ridere.
Facciamo una nuova esperienza.

E buttiamoci anche in questa nuova giostra, vediamo cosa ne esce fuori.















Una mattinata di decluttering

Ho approfittato di quest'ultimo giorno di convalescenza per continuare a fare decluttering in camera da letto.
Già ieri mi sentivo meglio e oggi sono rimasta a casa per cautela, il tempo è brutto e lì non è stato ancora acceso il riscaldamento..
A casa abbiamo camino e stufetta e non è di certo umido, quindi meglio perdere un altro giorno che avere una ricaduta e mancarne per altri.
Lo scorso anno mi lamentavo con lui del nostro armadio in cui non entra nulla, alla fine mi sono convinta che la cosa più saggia da fare era mettermi a fare spazio.
Ho capi nell'armadio che risalgono a dieci anni fa (!), va bene il riutilizzo, ma questo è vero e proprio attaccamento!

E così stamattina rieccomi a fare decluttering, a spulciare ancora nell'armadio e vedere cosa posso mettere nei cassonetti dei vestiti usati (ma comunque in buono stato, ci tengo a sottolinearlo, perchè quando ho fatto il tirocinio in Caritas ne abbiamo visti arrivare di pessimi, consunti o sporchi e non mi sembra decisamente il caso).
Il bello è che  facendo spazio tra le cose anche nella mia mente si libera. Come una meditazione.
Ho riempito un bel bustone (solo la scorsa settimana ho depositato altra roba nel cassonetto apposito)  e adesso è vicino la porta, sulla cassapanca fatta dal suocero,pronto per lasciare casa nostra (non il suocero eh, il bustone!). ^^
Adesso l'armadio inizia decisamente a respirare!
Provengo da una famiglia in cui buttare le cose è quasi reato, mio nonno era il più grande reciclatore
 (e compostatore, ma questa è un'altra storia) di tutti i tempi (ai miei occhi).
Mio zio e mio cugino,credo per reazione, sono diventati l'opposto (buttano via tutto!) io cerco di essere una via di mezzo.
Insomma è anche una questione d'energia , no?
Come può circolare bene in una camera piena zeppa di oggetti?

Decisamente adesso nella camera l'energia buona si sente, eccome!



Foto presa da qui

sabato 17 novembre 2012

Cane e gatto

Gusto questo pomeriggio lento, i miei occhi si riempiono della luce speciale che filtra dalla finestra.
Oggi sto un meglio, nei giorni scorsi mi sono beccata l'influenza,  la febbre è arrivata a 40.
Ma come ogni volta,adesso che è quasi passata (domani avrò la certezza) mi sento già rinata.
Ho buttato fuori tutte le tossine, l'energia negativa e mi sento pulita.Come nuova! :)

Il mio corpo aveva bisogno di uno stop e visto che non potevo prendermelo, me lo ha ha dato lui.
Mi sono riposata tantissimo, che di più proprio non si può!
Ed è così che mi sento adesso, riposata,quasi in procinto di "ripartire".

Ho quasi digiunato per un giorno, poi solo tè e brodini e al corpo, ogni tanto, fa bene depurarsi.
Tanto sa tutto lui ed io lo seguo.

Oggi visto che la febbre era scesa e il tempo lo permetteva, sono anche uscita in giardino (ben imbacuccata) a fare la lavatrice (ce l'abbiamo fuori,nel sottoscala).

Pochi minuti..e davanti ai miei occhi lo spettacolo più bello visto da me negli ultimi tempi

Eccolo qui



Scambio di sguardi tra la nostra Sunny e Tommasina, la gatta dei vicini.
Ormai la storia va avanti da mesi...la Tommasina si affaccia, fa Miao senza scomporsi  e Sunny le abbaia agitandosi tutta e il gioco continua finchè una delle due non si stanca, gira il sedere e se ne va.

Oggi c'era un cielo fantastico



Non è bella Tommasina?



mercoledì 14 novembre 2012

Ordine collettivo Spices of india

Questa volta parliamo di ordine collettivo.
Almeno per un annetto, se non di più, ho meditato di acquistare qualcosa dal sito Spices of India  rinunciando poi ogni volta  per via delle alte spese di spedizione.
Eppure i prodotti sono a prezzo così vantaggioso!
Poi su facebook ho scoperto la pagina Ordini collettivi Spices of India e mi sono finalmente lanciata!
Come funziona un ordine collettivo?
Più persone si uniscono per effettuare degli acquisti dividendo, ad esempio, le spese di spedizione.
Non è necessario che abitino tutte nella stessa città, l'organizzatrice( e credo la più paziente) si prenderà la briga di raccogliere gli ordini, farsi inviare i soldi,ordinare e una volta ricevuto il pacco con i prodotti fare le consegne a mano oppure spedire i singoli pacchetti.
Si risparmia comunque!
Nel mio caso sono stata fortunata perchè la consegna a mano è prevista proprio a Lecce e così l'altro giorno V ed io ci siamo infilati in macchina per raggiungere la bella Lecce barocca.

Visto che la benzina ormai è alle stelle,  le nostre puntatine a L. non sono più così frequenti.
Quando ci andiamo è per svolgere più commissioni anche se la nostra prima tappa è sempre dedicata al nipotino- forza -della -natura .

Ma torniamo a Spices of India.
Cos'ho ordinato?

Olio di neem
Sapone Mysore al sandalo
Incensi, tre tipi : Satya Sai Baba,Tulasi e Swarna Ganesh
Chai tea, il mio preferito, 40 bustine
Multhani Mati e Aritha powder che sono dei prodotti per il viso e per i capelli, in polvere
e infine l'allume in polvere, deodorante naturale.

Ecco qui i prodotti




Ho già acceso gli incensi, ottimi, e credo che oggi proverò Multhani per la pelle del viso.
Questi incensi si trovano anche in Italia, ad un prezzo maggiore.
Ad esempio prima li vendevano a Lecce all'Indian Shop che però ha chiuso ( di quel negozietto mi è rimasta l' Amla per i capelli).
Ho acquistato l'olio di Neem contro le zanzare e per proteggere la mia pelosetta dagli animaletti.
Sinceramente dopo aver aperto la bottiglia e annusato dentro ho capito perchè funziona così tanto...ha un odore orribile!

Ma credo che lo ricomprerò quando andremo in India e lo useremo, se sarà necessario, per proteggerci durante il nostro viaggio on the road.

Sono entusiasta di questo ordine collettivo che mi ha permesso di ordinare i prodotti che altrimenti non avrei mai preso, risparmiare e trascorrere un pomeriggio diverso.
Ho conosciuto, davanti ad un bar, la ragazza che si è resa la briga di effettuare l'ordine .
E' venuta con un'amica ed abbiamo scambiato 4 chiacchiere, è stato divertente conoscere gente nuova, seppur al volo.
Loro appena tornate dalla Biobottega ed io in procinto di andare al Naturasi che è stato inaugurato da qualche giorno.


 Vi  nel frattempo mi ha raggiunta dopo aver finito di spupazzare a dovere il nipotino.

(Al naturasi abbiamo preso 4 cose in offerta, tra cui lo sciroppo d'agave che ormai ho sostituito allo zucchero di canna.)
E' stato davvero un bel pomeriggio!!!

E voi avete mai partecipato ad un ordine collettivo? :-)








domenica 4 novembre 2012

Conferme

Un periodo di nuovi impegni, nuove anime nella mia vita con cui si è instaurata immediata complicità.
Stravolgimento delle mie giornate,ve ne avevo parlato qualche post fa
Ma non sono mancate  piccole delusioni e qualche momento di scoraggiamento, nonostante la mia indole a vivere sempre tendendo al sole di giorno e alla luna di notte.
Ma per chi non ci sono momenti in cui tutto è buio pesto?
Eppure essi sono fondamentali, sono  buio fertile dal quale tutto può nascere,magari ce ne rendiamo conto dopo.

Da quando ho iniziato la mia nuova avventura non c'è stato tempo per il Cerchio sebbene siano tutti nel mio cuore.
A dir la verità alla fine dell'estate la N.m'invitò nuovamente a staccarmene per guidare un Cerchio tutto "mio", quindi il mio allontanamento graduale è  dovuto anche  a questo, ma non si tratta di un abbandono da parte mia e di una porta chiusa da parte sua...
E' un invito a seguire la mia strada, ma la porta è sempre aperta e ogni tanto mi riservo del piacere di tornarci per stare semplicemente con loro, le anime con le quali ho condiviso gioie e dolori di questi ultimi anni.

Ieri sono andata a trovare proprio lei, prendere una tisana insieme,rivivere quel posto meraviglioso in maniera differente, scambiando quattro chiacchiere, confidandomi, ridendo per le cose buffe che ci capitano.

Dovete sapere che la N. nel corso degli anni è spesso stata dura con me e più di una volta non mi sono sentita assecondata da lei, talvolta sono stata lì lì per staccarmi prematuramente dal Cerchio.

Ma altre volte invece mi capiva eccome!

Solo adesso mi rendo conto che tutta quella durezza che in alcuni casi ha utilizzato consapevolmente mi è servita e che anche non capendolo mi stava sostenendo.
Come poteva assecondarmi se facevo le scelte sbagliate per me?
Certo non mi ostacolava, ma assecondare no, non poteva farlo.

Ieri sono andata da lei e non so perchè credevo che mi avrebbe fatto un cazziatone riguardo alcune scelte che ho intrapreso.
Anche se faccio sempre di testa mia è bello sapere che chi ti è accanto, che sia il compagno o un'amica è dalla tua parte no?

E invece mi ha stupita ancora una volta, imprevedibile come sempre.

Mi ha ripetuto, senza saperlo, quello che V mi dice sempre, che me ne devo fregare delle invidie e di chi cerca di mettermi i bastoni tra le ruote e continuare per la mia strada.
Perchè questa strada, la strada  sulla quale sto camminando è la mia davvero.
Ed io lo so, ma è importante sapere come ci vede dal di fuori chi ci conosce veramente no?
E' importante il parere di chi ci ama semplicemente così come siamo, senza recriminare le nostre debolezze, ma prendendole in braccio e cullandole quando serve oppure dandoci talvolta una tiratina d'orecchie.

E poi mi ha detto tante altre cose che non sto qui a scrivere, ma sono tornata a casa serena, con il sorriso, quello che i miei cari adorano vedere perchè dicono che sia il mio tratto distintivo.

Com'era bella ieri la N.quando sono arrivata, spazzava le foglie autunnali sul suo vialetto,vestita dei colori d'autunno, sembrava che il calore del suo cuore s'intonasse con quello dei suoi vestiti che a loro volta richiamavano i colori della campagna circostante.

Vi auguro di conoscere una persona così nella vita, pulita e schietta come poche.
Vi dico questo anche se poi so che, persone così inciampano nelle nostre vite almeno una volta,sta a noi saperle riconoscere e aprire le braccia.

Buona domenica a tutti/e :)







venerdì 2 novembre 2012

Metta

Quando qualcuno ti fa del male
quando qualcuno sta male e non sappiamo come aiutarlo
quando vogliamo donare protezione
agli altri o a noi stessi
un piccolo metodo c'è.

Prima non capivo la gente che prega, adesso si sebbene questa non sia una preghiera.

Me la insegnò la N. e si chiama metta.
Per un approfondimento potete vedere qui, credo sia una versione più estesa della metta.

Possiamo pronunciarla pensando a noi stessi o agli altri o anche ad una situazione alla quale vogliamo mandare luce.
Credo che ci siano situazioni o meglio momenti in cui non possiamo proprio fare nulla per cambiare/modificare le cose.
Ad esempio,quella persona ci ha feriti e sentiamo che non è il momento di agire o reagire...
Una cosa possiamo fare, pronunciare la metta

Che tu possa avere buona salute
sicurezza interna ed esterna
la gioia nel cuore e 
agio di vita.

Se riesci a dedicare la metta al tuo "nemico" del momento, inteso come chi ti ha ferito, automaticamente contribuisci a sciogliere il rancore dentro di te...

Se la mandi a te stessa/o, ad esempio, prima di un colloquio  contribuisci ad infonderti coraggio.

Se la "indirizzi" pensando ad una situazione passata che ti ha fatto soffrire stai contribuendo ad attivare un processo di guarigione.

Che tu la veda come una formula magica o un piccolo escamotage per provare a superare alcune situazioni una cosa è certa: non farai del male a nessuno.
Male che vada non funzionerà, male che vada non accadrà nulla.
La pratico spesso e la metta per me funziona.

Non voglio stare ad analizzare  se si tratti di amore che viaggia (anche se sento che è così) oppure effetto placebo, io la metta la uso ;)

Se vi va potete provare qualche volta, senza aspettative, solo per il gusto di sperimentare.


lasciarsi attraversare

Lasciandomi attraversare dalle emozioni di questi giorni di vacanza.
Al corso ci hanno dato qualche giorno libero per il ponte e ne approfitto per:
dormicchiare
stare con i miei amori... Vikram e la pelosetta
alzarmi presto per
uscire a fare la spesa insieme a lui,
andare in libreria e annusare i libri, sfogliarli, acquistarli con lui
prendere un caffè al bar in cui lavora un suo amico
cazzeggiare su facebook e pensare se sia arrivato il giorno di chiudere il profilo anche se
da una parte è comodo.
C'è il gruppo dell'università, il gruppo del corso e quello dell'associazione.
Ci sono le persone care lontane e qualche amica blogger.
E un pò di svago.
Dall'altro lato parte della mia vita viene messa sotto una lente d'ingrandimento con tutto quel che ne deriva.
Non tutti hanno buone intenzioni, c'è chi lo usa proprio per spiarti, travisare,giudicarti e anche per ferirti (lo scopri aimè dopo).
Proprio come un tempo i pettegoli facevano alla piazza.
Adesso è tutto più amplificato.
In tutto il marasma generale capitano anche persone così.

Chiusa questa parentesi facebook oggi ne ho approfittato anche per pulire casa, dare gli auguri a mia nonna per il suo compleanno e sentirla triste al telefono perchè oggi è anche il giorno dei morti.
L'abbiamo festeggiata ieri, tutti insieme, l'abbiamo avvolta con il nostro calore.
E lei ci ha detto :
Questo è l'ultimo anno che festeggio.
Mi fermo a ...anni!

Lei che dice sempre di essere giovane dentro, che è sempre pimpante e chiacchierona è un pò come Peter Pan che non vuole più crescere.

Stamattina  in libreria e le abbiamo preso un pensierino.
E non abbiamo resistito, abbiamo preso dei pensierini anche per noi.
Chi sa resistere al profumo dei libri?

Il mio è
Racconti di una solitudine insonne
del Subcomandante Marcos

Lo desideravo da tanto tempo e quando io e  iniziammo a frequentarci una delle mie più care amiche mi mandò un passo di questo libro.
Oggi in libreria ho aperto a caso tra le pagine e mi sono ritrovata proprio tra quelle parole

Eccole

La favola del per sempre

C'era una volta un Lui fatto di notte.Ombra di ombre,passo solitario,molte notti camminò per incontrarla.
C'era una volta una Lei fatta di giorno.Bagliore color del grano,pura danza di luce, molti giorni camminò per incontrarlo.
Molto tempo si cercarono il Lui e la Lei.Molte volte inseguì la notte il giorno.Sapevano entrambi, il Lui e la Lei, che cercavano qualcosa d'introvabile, sembrava impossibile che mai e poi mai...
E poi arrivò l'alba, per il Lui, per la Lei.Per sempre.

Tan-tan


L'ho lasciato sullo scaffale, per poi riprenderlo tra le mani, perdermi tra le righe, rilasciarlo e poi seguire un moto interiore ed acquistarlo :)
I soldi per i libri sono sempre spesi bene.

E voi cosa state leggendo di bello?

lunedì 29 ottobre 2012

Vivere tra due cuori

Andiamo al mare questo pomeriggio?

Andiamo...

Vorrei una casa al mare d'inverno, adoro il mare d'inverno.

Ogni volta che torno qui (dal Nord) ho bisogno di andare al mare...non posso ripartire senza averlo

almeno visto una volta.

Com'è bello oggi il mare in burrasca...

Ed è meraviglioso davvero, il mare di Gallipoli oggi c'ipnotizzava con le sue onde fatte di spuma

imbronciata.



Riccioli ribelli di un dio del mare che scuote la testa capriccioso sulla sabbia dorata.

La sabbia...granelli di sole.

Riccioli ribelli bianchi come la luna piena che oggi, di ritorno dalla nostra piccola gita, faceva

capolino tra le nuvole nere.



Lampi lontani nel cielo.

Ah come adoro camminare con la testa all'insù!!

Ricordo che alcuni anni fa mi disse che viveva tra due cuori, il mare e le colline.

Tra le colline c'è il suo nido, ma il mare del Sud è una calamita.

Il mare del Sud è SETE per ogni salentino che si allontana e ci lascia un pezzo di cuore.

E sembra quasi di vederli tutti quei frammenti di cuori, fluttuare tra le onde, accarezzati dalla

dolce luce della luna piena , questa notte.












sabato 27 ottobre 2012

Come le nuvole

E' bastata una piccola scelta e le mie giornate hanno preso le forme irregolari delle nuvole nel cielo.
Bianche, soffici, tondeggianti.
Sono innamorata delle nuvole, le guardo e mi ci perdo dentro per poi lasciarle andare via nel celeste...
 
Risate argentine nelle orecchie, mai udite prima, ma divenute subito così familiari.
Voci.calde, allegre, squillanti,decise,dolci.
Vite che s'intrecciano ancora e ancora.

E poi voci che vengono dal passato, un amicizia che si rinsalda, emozioni.

Che sapore ha la felicità?
In questi giorni la felicità ha il sapore delle nuvole.

Perchè nelle  fantasie di bambina  le raggiungevo in volo, ci saltavo su e con le manine staccavo pezzi di nuvola e e le mangiavo.
Morbide,impalpabili come la panna e profumate di vaniglia.









mercoledì 24 ottobre 2012

Reinventarsi

Mi piace condividere la positività e la bellezza, ma luce e ombra sono facce della stessa medaglia.
Sarei falsa se mostrassi solo un lato di me,l'ultimo post è stato un pò triste, ma non avevo voglia di  nascondere l' amarezza.

Adesso però si volta pagina.
E' forse più facile a dirsi che a farsi, ma la mia esistenza sta prendendo decisamente un'altra piega o meglio, si sta evolvendo ancora.

Mi sono iscritta ad un corso sulla creazione d'impresa, rivolto a sole donne.

E' da tempo che penso questo il lavoro adesso dobbiamo inventarcelo e sulla base delle nostre competenze.
Proprio come ha fatto Edera che ha saputo attingere al suo sapere e crearsi un lavoro che sembra proprio cucito addosso a lei.
E' da queste persone che amo prendere spunto.

Io cosa so fare?
E cosa voglio fare?
Come posso realizzarlo?

So bene cosa voglio fare, quello per cui ho studiato, per cui mi sono messa in gioco.
In parte già lo faccio già, ma voglio crescere, sviluppare ulteriormente  competenze e  professionalità.
Potrei benissimo informarmi su internet, ma l'idea di frequentare un corso apposito mi è piaciuta moltissimo.
Se a questo si aggiunge anche un nuovo cerchio di donne allegre e spiritose va anche meglio :)

E si, ormai vivo i  cerchi negli ambienti più impensabili!
Sarà un karma questo :P

Andare al corso vuol dire per me rivoluzionare tutto, alzarmi la mattina alle 6 quando è ancora buio, andare a letto presto.
Vivere i ritmi della terra...
 Percorrere in macchina  di buon mattino stradine di campagna avvolte dalla foschia, vedere il sole che si leva luminoso,un disco perfetto nel cielo poco prima che la rugiada sull'erba evapori.


Ho scattato questa foto del sole che sorge



E voi siete mattiniere oppure vi piace sonnecchiare?

Prima di lasciarvi vi segnalo un post che ho letto stasera, è molto molto carino e le foto sono stupende!

lunedì 22 ottobre 2012

Si ricomincia

Si ricomincia, dopo il viaggio nelle Marche nuovi impegni hanno modificato le mie giornate.
Nuove persone nella mia vita, visi, voci, sentieri che s'intrecciano.
Il viaggio in India è stato posticipato di due mesi, ma adesso più che mai sento che il sogno è vicino.

Sfumature della vita non sono più tali.
Divengono concretezza.

Vivendo il presente di questo Salento con un pezzo di cuore a Parigi ed uno già volato in India.

Sento che è un momento di passaggio importante, porto la consapevolezza in ciò che faccio.

L'unico neo, un'amica, se posso ancora chiamarla tale, che non riesce a sentirsi partecipe della mia gioia.
Brutta bestia l'invidia.
Desidera tutto quello che ho e spesso lo brama ancor prima che io abbia effettivamente raggiunto un determinato obiettivo.

Come se la mia gioa le desse fastidio.



domenica 21 ottobre 2012

viaggio, Urbino, Biosalus

Siamo stati via alcuni giorni.
Da quando stiamo insieme il viaggio scandisce i nostri ritmi di vita, non importa se in Europa, In Italia o nella regione accanto.
Questa volta siamo andati in Urbino, una delle nostre mete italiane preferite.
Lì ci ho vissuto per un pò ed ho amici e parenti.
Abbiamo scelto di tornarci in occasione del Biosalus il festival del biologico e del benessere olistico, è il terzo anno che vi partecipo come visitatrice ed è sempre interessante.
Ogni volta adoro tuffarmi in quell'energia, nei profumi, nei colori...
Quello che mi colpisce però è sempre la bella gente che c'è, come se ci fossimo messi tutti d'accordo, un piccolo raduno al quale partecipano la maggior parte degli alieni di Pianeta Verde.
(E se non avete ancora guardato questo film ve lo consiglio, dovrebbe ancora esserci su youtube).

Urbino e il verde che lo circonda, i suoi ciottoli , Urbino ventosa.
Le sue salite che ti levano il fiato, come il panorama circostante.

Al Biosalus quello che m'interessa di più ogni volta è la parte esperienziale , non mi basta vedere, ma voglio partecipare con il corpo.
Un massaggio ayurvedico durante il quale mi sono sciolta sotto le mani sapienti di qualcuno, come me, ama l'India.
Un drumming circle intenso, potente, liberatorio.
Esseri viventi di un cerchio che si fondono in un unico palpito.


Siamo tornati nel Salento con il cuore sereno e la valigia zeppa di momenti da ricordare e regali da parte di mia zia che ci ha ospitati e che ogni volta ci regala tutto il "regalabile

Abbiamo anche acquistato delle cosine: te nepalese, te bancha, finalmente la stevia!
E poi libri..


Siamo anche stati immortalati dal fotografo ufficiale dell'evento, Lorenzo Giovannini

Eccoci




Che sorpresa rivederci sul sito!
Il programma anche quest'anno è stato fitto fitto, alcuni eventi che c'interessavano si tenevano contemporaneamente.

Fantastica la conferenza-non-conferenza con Giorgio Cerquetti che in modo allegro e frizzante riesce a coinvolgere i partecipanti, trasmettendo dei temi profondi senza risultare "bacchettone".
Avevamo già partecipato ad un incontro con lui lo scorso anno e devo dire che mi ha colpita nel cuore.

Molto interessante anche questo incontro con Franco Nanetti che ha parlato di legge dell'attrazione in un modo tutto suo, che condivido.
Uno dei suoi libri è stato fondamentale per la mia tesina finale del corso di Gestalt Counselling , pertanto ci tenevo molto a quest'incontro.

Un'altra conferenza importante è stata Vegetarismo una scelta coerente a cura dell'Associazione Vegetariana Italiana.
Ci avrei dovuto scrivere un articolo per Amami, il blog per il quale collaboravo, ma proprio al mio ritorno ho deciso d'interrompere, per motivi personali, la collaborazione.
A Silvia, la fondatrice,  va tutta la mia stima, così come a collaboratrici come Tonia, Sonia, Valentina...

Si volta quindi pagina e al nostro ritorno siamo stati letteralmente investiti da alcune novità...
Magari ve ne parlerò la prossima volta...
Stay tuned!!!!








martedì 9 ottobre 2012

In treno (se ti abbraccio non aver paura)

In treno verso Pesaro.
Vecchi scompartimenti a sei.
Vìkram, io e una ragazza che mi assomiglia un pochino.
Avverto come una sintonia tra me e lei.
Saranno i capelli lunghi, i pantaloni etnici simili ai miei (che ero indecisa se ficcare o no in valigia),il piercing al naso.
Ma no, c'è qualcosa di più tuttavia non sto lì a scervellarmi su cosa possa essere.

Il treno parte lento, noi tre stiamo ancora prendendo familiarità con i nostri posti, cerchiamo la posizione giusta quando lei , movimenti veloci, estrae dalla borsa un libro verde e lo posa sul sedile accanto al suo mentre continua a frugare tra le sue cose.

Vikram ed io guardiamo nello stesso istante il libro dalla foderina verde che viene posato, leggiamo il titolo, poi ci guardiamo negli occhi e scoppiamo in una specie di risatina complice.

Lei fa un piccolo sussulto e si gira,le dico :"Abbiamo lo stesso libro, guarda" e prendo dalla mia borsa un libro con una copertina verde.

Se ti abbraccio non aver paura

Seguono alcuni momenti di complicità come se fossimo vecchie amiche, sguardi e risate.

Mi hanno regalato questo libro
Anche a me
Ma... è famoso?
Si è conosciuto,avevo sentito la storia in tv e mi sono subito appassionata
Ah, IO NON HO LA TV
sorrido.

A me l'hanno regalata, è forse una colpa?
Dal suo tono di voce, probabilmente si.

A che punto del "viaggio" sei? 
Aspetta...guarda qui...

Siamo quasi allo stesso punto del libro, lei un capitolo davanti al mio.

Tra un pò mi raggiungi, c'incontriamo lì

Scherziamo, sorridiamo, si prospetta un bel viaggio, leggendo un libro che un viaggio narra.


Poi aggiunge

la mia copertina è diversa dalla tua

vero, sono simili

la mia è di un verde diverso, più ETNICO, la tua è più "profescional"

sorrido ancora ma la conversazione non è fluida come appariva nei primi istanti, ognuna ritorna nel suo "mondo", Vikram ed io ci siamo alzati prestissimo e sonnecchiamo.

Ogni tanto apro gli occhi, la sento passare, immagino che vada al bagno.
Mi sento sfiorare nel passaggio e quasi sussulto per la carica di energia nervosa che mi trasmette o sarà una mia impressione?

Mi rimetto a sonnecchiare, solo dopo ci accorgiamo che la tipa si è letteralmente "trasferita" nonostante il posto prenotato.

Mi sembra quasi di leggerle nei pensieri

voglio stare per fatti miei,si sta creando confidenza e non ho voglia di parlare di me

Peccato,però è stata una piacevole coincidenza.

Leggo e il mio viaggio si snoda attraverso le pagine del libro di Fulvio Ervas che racconta le a vventure di Franco e suo figlio Andrea, il loro viaggio speciale perchè Andrea è autistico.
Un viaggio on the road , lungo e imprevedibile, un volo d'anime, è così che lo vedo.

Questo libro mi è stato regalato dalla nonna, sapeva che volevo compralo e lo ha ordinato per regalarmelo...in realtà non ha resistito e l'ha letto prima di me, l'ha fatto suo, sottolineato, si è emozionata leggendolo e non voleva più darmelo!
All'inizio mi sono incavolata perchè lo aspettavo con ansia e non vedevo l'ora di tuffarmi nella lettura.
Invece adesso credo che in fondo abbia fatto bene.L'ho sentita così emozionata!

E' una storia da conoscere, una storia che racchiude diverse sfumature, che si fa contenitore di varie tematiche come il rapporto padre-figlio, l'autismo, il viaggio, i rapporti umani ma che soprattutto TRASMETTE.

Franco  una volta in tv ha detto che Andrea è come un ricevitore,tutto gli arriva ma non riesce a trasmettere.
Forse è vero, ma in qualche modo Andrea sta trasmettendo la sua essenza , arriva alla gente... e il suo papà in questo gli fa da "canale".

Se vi capita di andare in libreria magari prendetelo tra le mani, sfogliatelo, annusatelo, leggete qualcosina...potrebbe vibrarvi tra le mani...e se lo leggerete forse vi farà vibrare il cuore :)







sabato 29 settembre 2012

Un nuovo premio

Ho ricevuto un premio molto carino da Edera, eccolo qui

Si chiama Cutie Pie ed è un premio simbolico per far conoscere i nostri blog preferiti.

Per ritirarlo occorre :

citare chi ci ha nominati e consegnato il premio,come già anticipato si tratta di Edera e del suo blog Casa Edera.

Mi piace leggerla ed ormai è un bel pò che la seguo e nonostante siamo così diverse, trovo molti punti di contatto con quest'anima bella.

dire tre cose sul nostro blog o su di noi, come blogger 

 1) sono una blogger da molti anni, almeno dal 2005, ricordo che iniziai su un'altra piattaforma

2) il blog è diventato il mio sostituto del diario di carta sebbene qui, per ovvie ragioni, non racconti proprio i miei segreti ;)

3) fin da piccola sognavo di fare la scrittrice e il blog è un ottimo modo per canalizzare lamia energia "scribacchina"

premiare 10 blog

Non posso premiare Edera che è tra i miei blog preferiti e nemmeno una fata nei campi di grano perchè è stata già premiata, ma se vi va passate comunque nei loro blog, a mio avviso, sono molto interessanti e portano la loro impronta personale, autentica.

Ci sono altri blog che seguo e che meritano, questi sono

Tu come tutto quello che tocchi

vegamami

Il tempo della crisalide

apprendista mamma

lacrime di carta e inchiostro

Radio Sirena

Io e Marc

Tabaccherie Orientali

C'è crisi, c'è crisi!Guida alla sopravvivenza sul pianeta terra

Straight edge fam


Che il premio venga ritirato o meno, v'invito a visitare questi blog, mi piacciono davvero tanto!

Oggi fa veramente un gran caldo, sicuramente molti salentini saranno già al mare.

Quest'anno di mare ne ho visto davvero poco, per mia scelta, la voglia d'infilarsi in macchina sotto il sole cocente, seppur per andare a fare un bagno fresco, era davvero poca.
Ho preferito rintanarmi qui in casa ed uscire la sera, come i pipistrelli :)

La prossima settimana mi attende l'università,è strano perchè le mie amiche o sono già  laureate oppure sposate ed io invece andrò a confondermi con i ventenni!
Ma questa passione per le relazioni internazionali avanza sempre più e non posso frenarla...

Non è mai tardi per scoprire qualcosa di nuovo in noi e soprattutto non è mai tardi per assecondare i nostri sogni!

















martedì 25 settembre 2012

Il bosco incantato

E' stato un bel weekend.
Sembra che  l'equinozio non cada esattamente il 21 e così nel mio piccolo, ho continuato a celebrare.
Avevo voglio di boschi e natura, ma il bosco nel mio paesello è stato trasformato, da qualche anno in un parco e parte del suo fascino se n'è andato via col cemento dei suoi vialetti.

Avevo voglia di un bosco selvaggio.

E così, navigando su internet ho "scoperto" che qui vicino a me, su per una collina, c'è un bosco bellissimo, grande.
L'ho costeggiato qualche volta  d'estate con lui, di ritorno dalle nostre notti bianche o dalla notte verde e sempre mi sono chiesta se ci fosse un modo per entrarci.
Ricordavo vagamente di essere stata, da bambina, in quella zona, con i miei amici d'infanzia vicino la chiesetta che c'è alla fine del bosco.

Ed ecco che ci sono tornata, dopo molti anni, con un'amica.

Abbiamo passeggiato a lungo, meravigliandoci dinanzi a piccoli angoli incantati, luoghi di fate che amano sollazzarsi in un letto di ciclamini salvatici... raccogliendo qualche ghianda, dono del bosco e  nutrimento di scoiattoli magici che forse ci avranno osservate mimetizzati nei loro nascondigli...

Ho avuto la sensazione di essere fuori dal mondo, in un luogo raro e impregnato di magia, un luogo in cui voglio tornare al più presto con lui.

La mia amica, aveva portato con se un termos con tè verde e un telo, in vista del nostro pomeriggio a contatto con la natura,  e così ci siamo inerpicate su per la collinetta e in un luogo più aperto abbiamo preso il nostro tè delle fate.

Tra risate e confidenze, in quel luogo fuori dal mondo,all'improvviso, d'istinto, mi alzo di scatto e dico: "Andiamo, altrimenti diventa buio"...c'incamminiamo subito nel bosco e inizia a fare scuro...accellero il passo...  una corsa per inseguire la luce...
Percorriamo il percorso a ritroso per ritrovarci al centro del bosco...non si vede quasi più nulla...

In poche parole mi sa che l'equinozio è scattato proprio allora...
Poi siamo riuscite ad uscire, finendo quasi dentro il cimitero (brrr...), ma lì, all'uscita c'era un'altra sorpresa...
La macchina era dalla parte opposta!
Potevamo andarci a piedi costeggiando il bosco al buio, oppure attraversando di nuovo il bosco...
A quel punto ho telefonato a lui.."Ci siamo perse nel bosco, siamo uscite, ma adesso vieni a prenderci"
Abbiamo aspettato sedute sui gradini del cimitero,con un cane buono, un guardiano.


Che avventura! :)



Domenica mattina sono stata al campo di meditazione.
Le tecniche, la campagna, le relazioni con le altre...sono momenti preziosi che amo custodire dentro al cuore,sempre con me.
Al mio ritorno a casa, all'ora di pranzo, ho trovato una sorpresa da parte della suocera...
Ci aveva mandato tutto il pranzo pronto!

Eccolo qui




Il menu:

lasagne vegetariane alle melanzane
schiacciatine vegan sempre alle melanzane

tutto da leccarsi i baffi!
In più frutta e profitteroles.

Gnammi!

E non si dica che le suocere sono cattive! :)

La sera abbiamo concluso in bellezza...siamo stati qui al festival nazionale del libro che si tiene a Tuglie e l'ho raccontato su Amami il blog per il quale scrivo.
Sono già piovute impertinenti le critiche per l'articolo, ma cerco soltanto di sospendere il giudizio e di cogliere il meglio dalle esperienze che mi attraversano.

Voglio mantenere ( e promuovere) un atteggiamento costruttivo nella vita e non distruttivo e secondo me gettare fango addosso alla gente solo perchè dice o fa qualcosa che non mi piace fa parte del distruttivo.
Siamo tutti esseri viventi in cammino, con tutte le piccole e grandi contraddizioni, perchè giudicarci?

Credo fermamente che chiunque possa insegnarmi qualcosa, non solo attraverso l'esempio positivo, ma anche attraverso il negativo.
Quest'ultimo, ad esempio, può insegnarmi a focalizzare bene come non voglio essere, il tipo di energia che non voglio esprimere, come non voglio trattare gli altri.


Scrivendo questo post ho potuto ripercorrere il mio bel weekend ed emozionarmi ancora...
grazie a chi passa di qui e scrive, ma anche a chi passa e non lascia nulla perchè comunque legge questo blog.

Buona vita a tutti! :)










sabato 22 settembre 2012

Mabon

Mi piace scrivere avvolta dal silenzio della casa, da questa mia piccola postazione.
I rumori dall'esterno giungono ovattati, come queste campane della chiesa vicina.

E' Mabon, l'equinozio d'autunno.

Ieri ho preparato un sacchettino con vestiti ancora nuovi, ma che non uso più, e sono andata a piedi a lasciarli nel raccoglitore di vestiti usati.
Un piccolo gesto simbolico per focalizzare l'attenzione su ciò che non mi serve più, ma che potrebbe servire a qualcun altro, affinchè le energie circolino.

Anche nei momenti in cui mi sento un pochettino agitata o nervosa, per qualche motivo, riesco subito a trovare rifugio nel mio luogo interiore di pace.
E' così dolce contattarlo!

Domani mi attende un campo di meditazione, sarà una nuova occasione per stare anche con le altre, assaporare la campagna in questi giorni magici.

Come celebrate il vostro equinozio?



* foto dal web*




mercoledì 19 settembre 2012

Lentezza

Un tempo mi tuffavo nelle cose, senza selezionare nulla,qualsiasi esperienza nuova mi si presentasse la afferravo, avida di vita.
Forse quando si è molto giovani può anche essere giusto, ma crescendo una profonda lentezza si è fatta strada dentro me.

Ascolto.
Scelgo le esperienze, lascio che mi vibrino dentro prima di muovermi.
Devono vibrarmi nell'anima.
Nel cuore.

Adoro questa lentezza che mi permette di gustare a fondo gli attimi, le esperienze.
Assaporo le risposte che mi vengono date lasciandole sedimentare all'interno.

Mi sento viva più che mai.

another heart, un film che mi ha catturata dall'inizio alla fine

sabato 15 settembre 2012

Stregata da Parigi

Un sabato sera autunnale, che assomiglia più ad uno dei nostri weekend invernali quando ci chiudiamo in casa, al calduccio,perchè non abbiamo voglia di andare nel locali affollati.

Nel nostro nido colorato, stesi vicini vicini sul divano rosso a guardare un dvd a noleggio...
Ricordare il nostro viaggio , attraverso le immagini del film.E sonnecchiare ogni tanto... :-)
Quanto mi manca Parigi!
Prima di andarci, devo ammetterlo, non mi sentivo attratta da questa città...invece mi ha incantata.
Stregata.

Sogno di tornarci, anche soltanto per un weekend,magari verso primavera...

Adesso lui direbbe :"Vuoi andare da tutte le parti..."
Si è vero...il mio sogno più grande ora è l'India...
Ma un weekend a Parigi tornando da lì... :-)
Sognar...

A proposito di viaggi, di posti da visitare...
Oggi ho riscoperto l'esistenza (ho una memoria a breve termine) del biglietto aereo RTW ossia
round the world , un biglietto che ti permette di fare il giro del mondo a un prezzaccio vantaggioso, a detta di chi lo usa.
Qualcuno di voi lo ha mai usato o conosce qualcuno che ha viaggiato in questo modo?







 

Noi due a Parigi.Brrr che freddo a febbraio!!!






venerdì 14 settembre 2012

Coinvolgente ordinarietà

Pomeriggio tra donne.
Una nonna, una mamma, due amiche d'infanzia.
Tutte sotto "i ferri" della parrucchiera.
Chiacchiere, risate,confidenze.
Mi ricorda un pò Caramel
In vista di un matrimonio ci siamo ritrovate per farci belle e ne è venuto fuori un pomeriggio animato dalle nostre chiacchiere, tra una piega e una frangia nuova.

E poi, come se non bastasse,una di noi ha offerto per tutte, la mamma di casa.Ha voluto festeggiare così il suo compleanno.
E poi ancora, come se non bastasse, siamo uscite a fare la spesa.A guardare scarpe con un pargoletto per mano.

Ordinarietà.

Eppure anche l'ordinarietà può essere terribilmente coinvolgente e toccare il cuore.
Perchè se solo sapeste chi sono quelle donne e come sono intrecciate le nostre vite...non ci credereste :-)


mercoledì 12 settembre 2012

Una mattinata speciale

Dopo il bellissimo evento di domenica sono ricominciate, come ogni martedì, le attività con il mio amato cerchio di donne guidato dalla N.
La novità è che non si tratta più di un cerchio di donne :-)
C'è un nuovo arrivato.
Ci ha promesso torte a volontà quindi da parte nostra non ci sono state lamentele :-)

Questo vuol dire che probabilmente ritornerà a frequentare il centro anche il mio amore.

Stamattina però io e un'altra sorella siamo tornate al centro per fare la meditazione dinamica che sarebbe la tecnica più catartica di Osho.
Poichè si fa a digiuno, dopo abbiamo fatto colazione a casa della N.che è praticamente attaccata al centro.
Amo queste mattine così, andare in campagna, stare con le amiche, meditare, fare colazione insieme e poi scambiare quattro chiacchiere e due risate.

Quando è così tutta la giornata splende di luce riflessa del mattino ed io mi sento in pace.

Mi sentivo così bene che, una volta tornata a casa,mi sono cambiata e sono uscita a piedi a fare la spesa, invece di prendere la macchina, andare a fare benzina, raggiungere il discount di un paese vicino, parcheggiare, prendere il carrello ecc. ecc. :-)

Noi andiamo al discount perchè risparmiamo alla grande rispetto ai negozi o al supermercato del paese in cui viviamo, ma visto che non dovevo prendere grandi cose mi sono trovata molto meglio così.
Camminare, assaporare il sole, l'aria.

A volte su fanno le cose automaticamente, per abitudine (ma che brutta parola!), voglio metterci più consapevolezza nei gesti di tutti i giorni e quando è possibile cambiarli.
:-)

Con settembre è arrivato un periodo diverso per me, come se l'aria nuova avesse portato in sè la trasformazione.
Alcuni semini nel mio cuore stanno germogliando.
E intanto anche il piccolo cappero della piantina in giardino sta per esplodere in un bellissimo fiore. :-)
Ogni giorno lo guardo con trepidazione, non vedo l'ora di dargli il benvenuto alla luce...

Godo questo benessere, questa pace nel cuore, questo amore per la vita...



...alla prossima :-)


* questa volta le foto sono prese dal web*

giovedì 6 settembre 2012

settembrina

E' pomeriggio.
 Lui dorme. Riposa.La pelosetta pure.
Eccomi qui a studiacchiare per il test d'ammissione alla facoltà.
Ad essermi decisa prima avrei studiato a fondo, ma ho scoperto tardi la facoltà che m'interessa.

In questo periodo mi sento piena di stimoli, ho voglia di fare tante cose diverse..mi metto in gioco.
inoltre sono stata impegnata ad organizzare questa serata di meditazione, che si terrà domenica.
Non avevo mai organizzato piccoli eventi olistici, è emozionante.
Se poi l'invitato è una persona che stimi, oltre che il marito di un'altra anima bella...se anche il posto in cui si tiene è caro...come la persona che ci vive...beh l'emozione raddoppia. <3

Questi giorni mi parlano di rinascita, di nuovi inizi, dentro e fuori.

Il mondo della cooperazione internazionale mi affascina sempre più e mentre ero tutta presa a decidere se iscrivermi o meno all'università, ad una certa facoltà ho letto un bellissimo post che ha illuminato la mia scelta.
Sono quasi certa che vi piacerà, a me hanno colpito i contenuti, ma anche il modo di scrivere.

Qualche giorno fa ho partecipato, come "pubblico", alla Notte Verde e ne porto ancora la magia dentro.
Poichè collaboro con Amami mi è sembrato carino scriverci un post a riguardo e aggiungere qualche foto che ho scattato con la mia normalissima e "fida" digitale.
Eccolo qui
Non so se sono riuscita a trasmettere almeno un minimo dell'atmosfera vissuta...ma sentivo l'esigenza di condividere un'esperienza tanto bella per me.

Sembra che sabato ci sarà una notte bianca, qui nel Salento, con lo stesso orientamento green. Non sarà una notte verde vera e propria, ma ho già letto qualche iniziativa carina.
Vi farò sapere :)






mercoledì 29 agosto 2012

Scelte

Rieccomi qui, sempre qui, immersa a scrivere nel silenzio della notte, mentre il mio amore dorme e la nostra pelosetta ancora giocherella sul suo cuscinone morbido.
In questi giorni mi sento molto nell'energia del fare, come se fossi stata a lungo in letargo a cui segue un felice risveglio.
Sarà che è arrivato il fresco che mi riattiva, sarà che ...deve essere così.

Da quando mi sono trasferita in questo paesino non l'ho mai vissuto tanto, ma oggi siamo usciti in bicicletta, io e lui, abbiamo fatto dei giri.
E' stato bello andare a fare la spesa dal fruttivendolo a bordo delle nostre due ruote :)
L'altro giorno lui mi ha voluto regalare una bella bicicletta olandese, l'ho voluta lilla.
L'altra, che mi aveva regalato mia nonna per la prima comunione, ormai era vecchissima, ma avrei voluto ridarle vita.
Lui però ci teneva a farmi questo dono e così ho accettato.
Che poi dopo mi sono resa conto..quella era una bicicletta da bambina,non minuscola come quelle a rotelle, ma comunque piccola per me.
E pensare che la utilizzava anche mia mamma per fare la spesa e i miei fratelli e cugini ci hanno fatto tante corse in campagna.
Com'era bello vederli scorazzare!
Adesso sono cresciuti e fanno altre cose.

Ho deciso di tornare a studiare.

Questa mia scelta è dettata dalla voglia di fare , dalle emozioni che sono emerse quest'estate stando con i piccoli ambasciatori di pace e da tanti altri fattori che hanno inciso, oltre che riflessioni personali.

Voglio lasciare un mondo migliore di quello che ho trovato e per farlo sento che per me è necessario fare un passo indietro.

Lui mi ha subito appoggiata e così i miei cari.

Sento che è la scelta giusta.

Vi saluto lasciandovi una foto che ho scattato qualche mattina fa...avevamo comprato una piccola piantina di cappero che in poco tempo è già cresciuta, affacciandosi alla vita con prorompenza.
E' la mia piantina preferita.
Ci ha donato un fiore, bellissimo, psichedelico,gentile.E' stato il suo buongiorno.
Eccolo qui.



Tra qualche giorno ci sarà la Notte Verde, spero di riuscire ad andarci...vi farò sapere :)