venerdì 30 marzo 2012

salutato un cerchio...eccone subito un altro :)


E' ormai da un pò che non frequento il mio cerchio di donne e che non medito insieme a loro, ma voglio andare presto a trovarle,abbracciarle e dir loro che va tutto bene.
Dopotutto sono circa che 5 anni che condividiamo tutto,sarà bello rivederle.
Intanto prendo confidenza con questa parte di me venuta alla luce, è la mia parte bambina che, durante l'estate, quando ci si trasferiva in campagna della nonna, amava stare lunghe ore da sola in profondo contatto con la natura, mentre gli adulti facevano la siesta pomeridiana.
Trascorro molto del mio tempo in giardino, lo accudisco, trasmetto la mia energia, il mio amore, le cure che merita.
Travaso le piante, smuovo la terra,controllo il compost, annuso i fiori con la mia cagnolina che scorazza su e giù.
Ho comprato una piantina di basilico, due gerani, una pianta di margheritone. Oggi dai miei ho preso delle talee, molte piante è inutile comprarle...si possono recuperare in altro modo e quando da quelle piccole talee spuntano le radici è un piccolo grande miracolo.
Sono spuntati dei germogli : cipolla rossa e miscuglio di piante officinali.

Mercoledì sono stata alla prima lezione del corso di chiacchierino.
8 donne in cerchio intente ad apprendere ciò che la loro solare insegnante condivideva.
Mi è subito piaciuta, il sorriso sincero, i modi semplici...ci ha detto che fa la guida naturalistica :)
Il chiacchierino è una delle tante passioni della sua vita.
Le altre donne sono più grandi di me, eccetto una ragazza di 21 anni, già esperta nei lavori con i ferri.
Ma il bello del chiacchierino è che i ferri non si usano.
Si utilizza invece una piccola navetta su cui è avvolto del filo. Man mano si srotola il filo necessario e si fanno dei piccoli nodi e intanto inizia a crearsi il "disegno".
"Si lavora su cerchi e archi" ha detto l'insegnante che ci ha mostrato i suoi lavori.
Centrini di varie dimensioni, ma anche orecchini e un bracciale fatto con la tecnica del chiacchierino modernizzato.
Ci ha anche spiegato che la traduzione dall'inglese di questa tecnica è chiacchierare fitto fitto.
E noi eravamo tutte lì per imparare i nodi necessari per il chiacchierino e a chiacchierare :)
Donne che prima di allora non si erano mai viste, lavoravano in cerchio in armonia.
Le due ore sono volate e intanto i gabbiani ci accompagnavano nel lavoro con i loro curiosi versi di corteggiamento.
L'insegnante ci ha detto che i gabbiani sono monogami...possono separarsi per migrare in luoghi diversi durante l'inverno, ma poi in primavera si incontrano.Si danno appuntamento :)
La sede del corso è in un antico chiostro, nella parte vecchia di Gallipoli, che poi è un'isola.
Siamo proprio di fronte al mare ed è meraviglioso vedere tutto da quel blu quando imbocco la porta d'uscita.
E' come se mi travolgesse.E probabilmente, lo fa emozionandomi.
Sono felice per questa nuova esperienza e per questa me più essenziale che sta venendo fuori, mi sento sempre più in armonia con me stessa e meno condizionata.

Un dolce abbraccio, domani posterò le foto degli attrezzi del mestiere ;)





Come promesso ecco a voi le foto :) potete vedere le spolette (quella rossa ha la punta), la spoletta blo a destra mi è stata regalata dalla nonna del mio compagno ( e grande amica della mia bisnonna) .Il filo è proprio quello adatto per il chiacchierino.Il ferro dell'uncinetto mi servirà più in avanti ;)

9 commenti:

  1. è una bella cosa... brava!

    RispondiElimina
  2. Ecco, ti stavo proprio per chiedere qualche foto! Sono molto curiosa di capire di cosa si tratta, non ne avevo mai sentito parlare prima.
    Il cerchio pare che ricorra sempre, allora. Che bello. Mi piace tutto, l'insegnante che fa la guida naturalistica (beata lei!!!), il chiacchierino, le donne, il cerchio. Aspetto il resto :)

    RispondiElimina
  3. grazie Elisa un bacio
    @The Siren ecco la foto appena postata :) si lavora con le mani, la spoletta altro non serve che per tenere il filo arrotolato intorno :D

    RispondiElimina
  4. Questa foto mi ricorda gli anni in cui lavoravo in merceria e si vendevano anche questi articoli...

    RispondiElimina
  5. non so allora, ma purtroppo adesso non credo se ne vendano poi tanto...quello che m'interessa è cercare di recuperare antichi mestieri per evitare che di "perdano" nel tempo .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che nè vendevamo abbastanza anche perchè c'erano dei corsi di chiacchierino e quindi venivano in negozio ad aquistare l'occorrente...E' sempre importante tenere vive le tradizioni anche perchè sono belle da fare e da vedere e in un certo senso "parlano" del nostro passato...

      Elimina
  6. oggi sono fresca fresca della seconda lezione :) mi piace sempre più :)
    Probabilmente da voi è più diffuso,ne sono felice :)
    Una dolce serata e a presto Giorgia :)

    RispondiElimina
  7. Ciao tempo fa vidi un servizio su rai 3 proprio sul chiacchierino...è davvero una bella Arte. Purtroppo io non so neppuree da dove s'incomincia, per cui grazie x questo post. E grazie anche per i complimenti al mio fiore di Natale.

    A presto

    P.S.: comunque sono la stessa Lena di La Magia del Vento e di Occhi di Marzo =)

    ciao

    RispondiElimina
  8. che bel post!
    Arrivano tutte le emozioni e perfino il profumo del mare...

    RispondiElimina

☾ Tat Tvam Asi ♥