giovedì 29 novembre 2012

le serate che piacciono a me

E' strana la vita.
Nella Casetta Arcobaleno accadono cose buffe.
E' venuto fuori un lato di V che prima che se ne stava timidamente in un cantuccio.Si tratta della sua passione per la cucina!
Al contrario io ho capito che cucinare non mi piace poi tanto, in questo periodo.
E così da un pò di tempo mi stupisce con le sue ricettine.
Ieri sera, per esempio,ha improvvisato una cenetta da leccarsi i baffi.

Guardate cosa mi ha preparato:



Vellutata di porri e patate.
Gustosa, calda e soprattutto fatta con amore .

E' stata una bella serata tra le mura domestiche.
Un pasto caldo, il calore della stufa, l'allegria della nostra pelosetta, l'armonia che c'è tra noi.

E non potevano mancare le castagne, almeno quelle preparate da me :)




E intanto ricevo belle notizie, anime che ho intrecciato nel cammino spirituale, tra un gruppo di meditazione e l'altro, che sono in procinto di partire per l'India.
Mamma India con le braccia spalancate, pronta ad accogliere e far vedere ogni suo lato.
Che emozione sapere di queste partenze!

E noi che ancora non sappiamo quale itinerario seguiremo...è ancora tutto da vedere ed io non sto più nella pelle!!!

Ma adesso, vi devo lasciare e lo faccio con un'altra cartolina da Ugento.


martedì 27 novembre 2012

Thank You


The moment I let go of it was
The moment I got more than I could handle
The moment I jumped off it was
The moment I touched down

riascoltando Alanis Morissette...

Tra poco uscirò per andare nel mio luogo magico , con il cerchio.
Ho aspettato questo giorno per tutta la settimana,quei momenti di meditazione insieme a loro sono fondamentali per me.


Oggi, di ritorno dal corso, ho scattato qualche fotina 


                                                                     Ugento








                                                                Villa antica







                                      Sulla strada del ritorno, fra le campagne salentine







                                                             La casetta sull'albero!!!

lunedì 26 novembre 2012

momenti magici

L'amore è come la nebbia, esiste ma non puoi toccarlo.

 Pensieri che passavano stamattina nella mente, mentre andavo al corso, percorrendo stradine sgarruppate di questo Salento dai tanti volti.
 (Che poi non è vero, io tocco l'amore quando abbraccio il mio V, gli tengo la mano, lo bacio).
 Ogni mattina m'imbatto in paesaggi diversi, le stesse campagne non appaiono sempre uguali.
Un giorno c'è il sole, il giorno successivo sono avvolte dalla nebbia che dona un'atmosfera fiabesca.
 I contadini sono sempre presenti, adesso è stagione di olive e c'è chi ha già l'olio nuovo a casa.
 A noi, per esempio, è stato donato da un amico di V, perchè qui è così.
Mi hai  accompagnato al frantoio, voglio donarti l'olio.
Mi piace questo percorso mattutino, lo prendo come uno spazio tutto mio, un viaggio all'interno del territorio.
Appena esco dal paese, sulla destra, incontro; una casina sull'albero che mi piace tanto.
Ogni volta penso che dovrei scattare una foto ma non lo faccio mai.
Poi c'è l'immancabile Ape col contadino che va a lavorare e quest'immagine mi fa ripensare al bisnonno che andava a trovare  la sua terra anche quando il suo fisico non poteva quasi più permetterselo.
Ma la campagna era un richiamo, una sete che doveva placare.
 Ciao nonnino caro, ovunque tu sia.
Ninetto.
 Cammina cammina poi Ugento appare all'improvviso a riempire i miei occhi stupiti.
 Mi affascina questo paesino appollaiato su un colle.
Ugento, che prima si chiamava Ozan, antico centro della comunità messapica.






Foto da qui


Uno dei momenti belli di questa giornata :
 Una collega mi ha chiesto un passaggio per poi invitarmi per un caffè. Mi ha aperto il suo mondo, si è confidata e non me lo aspettavo.
 Piccole sorprese che cambiano l'andamento della giornata e l'arricchiscono di quelle sfumature che nel cuore diventano emozioni.





foto presa da questo  sito














Sabato abbiamo fatto una piccola pazzia. Ci siamo infilati in macchina, macinando un pò di chilometri, per andare a conoscere C., una donna speciale.
Mi sono innamorata delle sue parole, del suo modo di scrivere.

Non potevo perdere la presentazione del suo ultimo libro proprio qui nel Salento.
Non mi era mai accaduto di piangere mentre leggo e con C. capita spesso di commuovermi.
Durante la presentazione del libro, sono state fatte delle letture e mi ha colpito quello che ha detto l'attore

quando ho letto questo libro, in una notte, ho pianto

perchè lei è così...ti emoziona.
Un pugno nello stomaco.







Foto presa da qui





Grazie C. !!!!

mercoledì 21 novembre 2012

I feel good!Yeah!

Si mi sento decisamente bene!
E sorrido mentre scrivo.
Anche se questa pioggia ha arrecato alcuni danni.
Ad esempio oggi ci siamo accorti che in bagno piove e c'è un infiltrazione d'acqua in soggiorno..chissenefrega perchè I feel good!

Oggi sono tornata al corso e le mie nuove amiche avevano portato ciambella e "salame" al cioccolato.
Come rendere appetitosa una giornata uggiosa!

Il salamotto in realtà era per venerdì, ma non c'ero e così : "Te lo conservo a casa mia per quando torni".
Poichè mi  ero rimpinzata di ciambella, avrei mangiato a casa la mia porzione di "salame", magari dopo pranzo.

In realtà a casa ci sono arrivata un'ora dopo del previsto...ruota bucata...
E' dovuto venire V a recuperarmi e poi abbiamo cucinato insieme nella nostra cucina dei Puffi, piccina picciò.

Nel pomeriggio abbiamo preso il caffè ed quando ho aperto la stagnola per condividere il dolce che mi era stato donato...magia.
C'erano due fettine, adagiata una accanto all'altra, e sapete che in quell'istante mi sono emozionata?
E' come se avessi visto la mia amica fare il dolce e poi mettere da parte le due fettine con cura e amore, quegli stessi ingredienti magici con i quali ha arricchito la ricetta.
L'ho vista chiuderle nella stagnola e portarmele, già immaginando con chi le avrei condivise.
Le ha preparate per noi.

Piccole magie quotidiane.


E poi questo pomeriggio lui, V, che mi dice
Vai a meditazione che ti piace.
Mi sento stanca, poi fuori piove ed è tardi.
 Vai, che stai bene, Vai
e lo dice sorridendo.


Questo è amore.

 E così mi sono vestita al volo, infilata in macchina e via!
Lungo il tragitto pensavo che durante il let go mi sarei addormentata di sicuro ( la mente se le inventa tutte pur di farci desistere!).

Poi...
La campagna di sera al buio, le converse che affondano nella terra,  il cancello semiaperto (e so che questo vuol dire puoi entrare, è tutto pronto,ho pulito e riscaldato l'ambiente,acceso un incenso, preparato l'acqua con i bicchiere nel caso abbiate sete)
Calpesto le foglie rosse e gialle d'autunno, saluto quei luoghi tanto amati.
Entro.

La N.mi viene subito incontro con quel suo sorriso radioso e mi abbraccia.

(Ricordo che una volta, una di noi, la chiamò maestra e lei iniziò  immediatamente a sbellicarsi di risate e non finiva più di ridere...
Rideva e rideva.
Rideva forse di se stessa e dell'idea di vedersi come una maestra.

Poi, quando la risata si esaurì,ci disse  che lei non si sente così , che maestra è una parola che non le appartiene.Che se c'è un maestro è C., che ieri affettuosamente ho chiamato Baba, il nostro dolce e pestifero C.
Questo è stato un piccolo episodio,una pallina su quel mala che rappresenta il legame con lei.Un episodio che mi ha parlato dicendomi: di questa persona ti puoi fidare, è autentica, non si fingerà mai diversa da ciò che è realmente....)

E poi sono arrivati gli altri.
E stasera in quel posto magico abbiamo cantato un mantra intorno alla luce suffusa della candela.
E nel canto il mio cuore si è sciolto ed ho pianto di commozione per mia nonna.
Non la stavo pensando, ma all'improvviso è arrivata.
Mi ha colta di sorpresa anche questa volta.

(Lei sempre dura,come un maresciallo, come suo padre che un maresciallo lo era davvero.
Lei, come una dura corazza che nasconde chissà quali tesori.
Alcuni sto imparando a scoprirli.)

In quel dolce pianto mi sono sentita sostenuta dal gruppo.
Ognuno era dentro se stesso eppure tutti insieme.
E' questo il bello delle meditazioni di gruppo e del posto magico che è come-quei- luoghi -che- non -esistono -sulle -cartine.

Lo scopri solo se ci devi arrivare
dissi una volta ad una persona che per caso, c'inciampò dentro e amò quel luogo al primo istante.

Ma chi non lo ama?

Ognuno ha un luogo dell'anima.
La mia anima è legata a questo.














lunedì 19 novembre 2012

Incenso e miele

Stamattina avevo già scritto questo post sul decluttering, ma ecco che sale l'impeto di scrivere e sono talmente piena di emozioni che voglio esplodere qui.

L'ho avvertito stamattina quando ho aperto gli occhi che sarebbe stata una giornata speciale.
Mi sono svegliata  e volevo sforzarmi di andare lì nonostante mi avessero consigliato di concludere la convalescenza a casa.
 Una vocina mi diceva devi andare e così mi sono alzata, compiendo i soliti gesti.
Ma c'era un'altra voce che è la sua e sussurrava follow your sensations e lì ho capito che un sussurro può arrivare a colpire forte nell'anima.

Le persone care attorno a me sono come cerchi, ci sono quelli più vicini fisicamente,  il mio amore,i fratelli, i nostri parenti stretti, e quei cerchi con i quali si entra in contatto poche volte nella vita e devono essere poche perchè sono quelle sufficienti a sconvolgerti.
Cerchi che si avvicinano e si allontanano ma vibrano sempre.

Baba e la sua-amata-gemma -splendente,sono tra questi.
Ho visto due volte nella vita lui e tre lei eppure sono sempre nel mio cuore, nella mia anima.
Sono innamorata di loro, di quel bene puro e incondizionato.
E' come se li conoscessi da altre vite.

A volte scrivo al Baba e le sue parole di risposta,mi saziano talmente a lungo che poi passa davvero del tempo prima che mi faccia sentire di nuovo.
Parole così rare al mondo.
Le leggo e mi colpiscono e le lascio sedimentare dentro di me.
Poi ogni tanto, da quelle parole depositate nel mio cuore, arriva uno scintillìo ed io mi rendo conto che sono lì, a svelarsi in momenti inaspettati.

Si dice che  Baba sia stato davvero un sadhu e poi le strade della vita lo abbiano portato lì, dalla sua-amata-gemma-splendente.
Hanno seguito un anelito di vita, loro e due, e poi si sono incontrati lontano da casa.
Lei è bellissima con quella sua luce pura e splende davvero .
Lei  ti vede per quello che sei realmente.

Me ne parlava sempre la N. e li immaginavo in un certo modo.Quando poi, dopo anni, li ho conosciuti erano davvero così come nelle mie fantasie, ma è stato tutto così naturale che non c'era neanche da stupirsi.

A volte con N. ne  parliamo. Il nostro sentire è comune:  non abbiamo mai conosciuto delle persone così prima d'ora.

Anime libere, pure, luminose, gioiose, fresche.

Follow you sensations

E oggi ho scritto ad una persona e la sua risposta mi ha inondato il cuore di gioia, vado in India, mi dice.
Mi si è sciolto il cuore, incenso mischiato a miele.

E poi penso che il Baba e la sua-amata-gemma-splendente  saranno presto in India, anche loro.
E' bello sapervi tutti lì.
Mi basta questo, è come se mi diceste
Vi aspettiamo comunque vada.

Questa India che mi corteggia e inebria la mia anima, che mi chiama.

Vieni, venite.
Vi farò vedere.
Cose che non sapete.

Strana giornata di pioggia.

Follow your sensations

E poi arriva una telefonata per noi due, per un videoclip.
Ci guardiamo stupiti

Cosa rispondiamo?Accettiamo?
Mi vien da ridere.
Facciamo una nuova esperienza.

E buttiamoci anche in questa nuova giostra, vediamo cosa ne esce fuori.















Una mattinata di decluttering

Ho approfittato di quest'ultimo giorno di convalescenza per continuare a fare decluttering in camera da letto.
Già ieri mi sentivo meglio e oggi sono rimasta a casa per cautela, il tempo è brutto e lì non è stato ancora acceso il riscaldamento..
A casa abbiamo camino e stufetta e non è di certo umido, quindi meglio perdere un altro giorno che avere una ricaduta e mancarne per altri.
Lo scorso anno mi lamentavo con lui del nostro armadio in cui non entra nulla, alla fine mi sono convinta che la cosa più saggia da fare era mettermi a fare spazio.
Ho capi nell'armadio che risalgono a dieci anni fa (!), va bene il riutilizzo, ma questo è vero e proprio attaccamento!

E così stamattina rieccomi a fare decluttering, a spulciare ancora nell'armadio e vedere cosa posso mettere nei cassonetti dei vestiti usati (ma comunque in buono stato, ci tengo a sottolinearlo, perchè quando ho fatto il tirocinio in Caritas ne abbiamo visti arrivare di pessimi, consunti o sporchi e non mi sembra decisamente il caso).
Il bello è che  facendo spazio tra le cose anche nella mia mente si libera. Come una meditazione.
Ho riempito un bel bustone (solo la scorsa settimana ho depositato altra roba nel cassonetto apposito)  e adesso è vicino la porta, sulla cassapanca fatta dal suocero,pronto per lasciare casa nostra (non il suocero eh, il bustone!). ^^
Adesso l'armadio inizia decisamente a respirare!
Provengo da una famiglia in cui buttare le cose è quasi reato, mio nonno era il più grande reciclatore
 (e compostatore, ma questa è un'altra storia) di tutti i tempi (ai miei occhi).
Mio zio e mio cugino,credo per reazione, sono diventati l'opposto (buttano via tutto!) io cerco di essere una via di mezzo.
Insomma è anche una questione d'energia , no?
Come può circolare bene in una camera piena zeppa di oggetti?

Decisamente adesso nella camera l'energia buona si sente, eccome!



Foto presa da qui

sabato 17 novembre 2012

Cane e gatto

Gusto questo pomeriggio lento, i miei occhi si riempiono della luce speciale che filtra dalla finestra.
Oggi sto un meglio, nei giorni scorsi mi sono beccata l'influenza,  la febbre è arrivata a 40.
Ma come ogni volta,adesso che è quasi passata (domani avrò la certezza) mi sento già rinata.
Ho buttato fuori tutte le tossine, l'energia negativa e mi sento pulita.Come nuova! :)

Il mio corpo aveva bisogno di uno stop e visto che non potevo prendermelo, me lo ha ha dato lui.
Mi sono riposata tantissimo, che di più proprio non si può!
Ed è così che mi sento adesso, riposata,quasi in procinto di "ripartire".

Ho quasi digiunato per un giorno, poi solo tè e brodini e al corpo, ogni tanto, fa bene depurarsi.
Tanto sa tutto lui ed io lo seguo.

Oggi visto che la febbre era scesa e il tempo lo permetteva, sono anche uscita in giardino (ben imbacuccata) a fare la lavatrice (ce l'abbiamo fuori,nel sottoscala).

Pochi minuti..e davanti ai miei occhi lo spettacolo più bello visto da me negli ultimi tempi

Eccolo qui



Scambio di sguardi tra la nostra Sunny e Tommasina, la gatta dei vicini.
Ormai la storia va avanti da mesi...la Tommasina si affaccia, fa Miao senza scomporsi  e Sunny le abbaia agitandosi tutta e il gioco continua finchè una delle due non si stanca, gira il sedere e se ne va.

Oggi c'era un cielo fantastico



Non è bella Tommasina?



mercoledì 14 novembre 2012

Ordine collettivo Spices of india

Questa volta parliamo di ordine collettivo.
Almeno per un annetto, se non di più, ho meditato di acquistare qualcosa dal sito Spices of India  rinunciando poi ogni volta  per via delle alte spese di spedizione.
Eppure i prodotti sono a prezzo così vantaggioso!
Poi su facebook ho scoperto la pagina Ordini collettivi Spices of India e mi sono finalmente lanciata!
Come funziona un ordine collettivo?
Più persone si uniscono per effettuare degli acquisti dividendo, ad esempio, le spese di spedizione.
Non è necessario che abitino tutte nella stessa città, l'organizzatrice( e credo la più paziente) si prenderà la briga di raccogliere gli ordini, farsi inviare i soldi,ordinare e una volta ricevuto il pacco con i prodotti fare le consegne a mano oppure spedire i singoli pacchetti.
Si risparmia comunque!
Nel mio caso sono stata fortunata perchè la consegna a mano è prevista proprio a Lecce e così l'altro giorno V ed io ci siamo infilati in macchina per raggiungere la bella Lecce barocca.

Visto che la benzina ormai è alle stelle,  le nostre puntatine a L. non sono più così frequenti.
Quando ci andiamo è per svolgere più commissioni anche se la nostra prima tappa è sempre dedicata al nipotino- forza -della -natura .

Ma torniamo a Spices of India.
Cos'ho ordinato?

Olio di neem
Sapone Mysore al sandalo
Incensi, tre tipi : Satya Sai Baba,Tulasi e Swarna Ganesh
Chai tea, il mio preferito, 40 bustine
Multhani Mati e Aritha powder che sono dei prodotti per il viso e per i capelli, in polvere
e infine l'allume in polvere, deodorante naturale.

Ecco qui i prodotti




Ho già acceso gli incensi, ottimi, e credo che oggi proverò Multhani per la pelle del viso.
Questi incensi si trovano anche in Italia, ad un prezzo maggiore.
Ad esempio prima li vendevano a Lecce all'Indian Shop che però ha chiuso ( di quel negozietto mi è rimasta l' Amla per i capelli).
Ho acquistato l'olio di Neem contro le zanzare e per proteggere la mia pelosetta dagli animaletti.
Sinceramente dopo aver aperto la bottiglia e annusato dentro ho capito perchè funziona così tanto...ha un odore orribile!

Ma credo che lo ricomprerò quando andremo in India e lo useremo, se sarà necessario, per proteggerci durante il nostro viaggio on the road.

Sono entusiasta di questo ordine collettivo che mi ha permesso di ordinare i prodotti che altrimenti non avrei mai preso, risparmiare e trascorrere un pomeriggio diverso.
Ho conosciuto, davanti ad un bar, la ragazza che si è resa la briga di effettuare l'ordine .
E' venuta con un'amica ed abbiamo scambiato 4 chiacchiere, è stato divertente conoscere gente nuova, seppur al volo.
Loro appena tornate dalla Biobottega ed io in procinto di andare al Naturasi che è stato inaugurato da qualche giorno.


 Vi  nel frattempo mi ha raggiunta dopo aver finito di spupazzare a dovere il nipotino.

(Al naturasi abbiamo preso 4 cose in offerta, tra cui lo sciroppo d'agave che ormai ho sostituito allo zucchero di canna.)
E' stato davvero un bel pomeriggio!!!

E voi avete mai partecipato ad un ordine collettivo? :-)








domenica 4 novembre 2012

Conferme

Un periodo di nuovi impegni, nuove anime nella mia vita con cui si è instaurata immediata complicità.
Stravolgimento delle mie giornate,ve ne avevo parlato qualche post fa
Ma non sono mancate  piccole delusioni e qualche momento di scoraggiamento, nonostante la mia indole a vivere sempre tendendo al sole di giorno e alla luna di notte.
Ma per chi non ci sono momenti in cui tutto è buio pesto?
Eppure essi sono fondamentali, sono  buio fertile dal quale tutto può nascere,magari ce ne rendiamo conto dopo.

Da quando ho iniziato la mia nuova avventura non c'è stato tempo per il Cerchio sebbene siano tutti nel mio cuore.
A dir la verità alla fine dell'estate la N.m'invitò nuovamente a staccarmene per guidare un Cerchio tutto "mio", quindi il mio allontanamento graduale è  dovuto anche  a questo, ma non si tratta di un abbandono da parte mia e di una porta chiusa da parte sua...
E' un invito a seguire la mia strada, ma la porta è sempre aperta e ogni tanto mi riservo del piacere di tornarci per stare semplicemente con loro, le anime con le quali ho condiviso gioie e dolori di questi ultimi anni.

Ieri sono andata a trovare proprio lei, prendere una tisana insieme,rivivere quel posto meraviglioso in maniera differente, scambiando quattro chiacchiere, confidandomi, ridendo per le cose buffe che ci capitano.

Dovete sapere che la N. nel corso degli anni è spesso stata dura con me e più di una volta non mi sono sentita assecondata da lei, talvolta sono stata lì lì per staccarmi prematuramente dal Cerchio.

Ma altre volte invece mi capiva eccome!

Solo adesso mi rendo conto che tutta quella durezza che in alcuni casi ha utilizzato consapevolmente mi è servita e che anche non capendolo mi stava sostenendo.
Come poteva assecondarmi se facevo le scelte sbagliate per me?
Certo non mi ostacolava, ma assecondare no, non poteva farlo.

Ieri sono andata da lei e non so perchè credevo che mi avrebbe fatto un cazziatone riguardo alcune scelte che ho intrapreso.
Anche se faccio sempre di testa mia è bello sapere che chi ti è accanto, che sia il compagno o un'amica è dalla tua parte no?

E invece mi ha stupita ancora una volta, imprevedibile come sempre.

Mi ha ripetuto, senza saperlo, quello che V mi dice sempre, che me ne devo fregare delle invidie e di chi cerca di mettermi i bastoni tra le ruote e continuare per la mia strada.
Perchè questa strada, la strada  sulla quale sto camminando è la mia davvero.
Ed io lo so, ma è importante sapere come ci vede dal di fuori chi ci conosce veramente no?
E' importante il parere di chi ci ama semplicemente così come siamo, senza recriminare le nostre debolezze, ma prendendole in braccio e cullandole quando serve oppure dandoci talvolta una tiratina d'orecchie.

E poi mi ha detto tante altre cose che non sto qui a scrivere, ma sono tornata a casa serena, con il sorriso, quello che i miei cari adorano vedere perchè dicono che sia il mio tratto distintivo.

Com'era bella ieri la N.quando sono arrivata, spazzava le foglie autunnali sul suo vialetto,vestita dei colori d'autunno, sembrava che il calore del suo cuore s'intonasse con quello dei suoi vestiti che a loro volta richiamavano i colori della campagna circostante.

Vi auguro di conoscere una persona così nella vita, pulita e schietta come poche.
Vi dico questo anche se poi so che, persone così inciampano nelle nostre vite almeno una volta,sta a noi saperle riconoscere e aprire le braccia.

Buona domenica a tutti/e :)







venerdì 2 novembre 2012

Metta

Quando qualcuno ti fa del male
quando qualcuno sta male e non sappiamo come aiutarlo
quando vogliamo donare protezione
agli altri o a noi stessi
un piccolo metodo c'è.

Prima non capivo la gente che prega, adesso si sebbene questa non sia una preghiera.

Me la insegnò la N. e si chiama metta.
Per un approfondimento potete vedere qui, credo sia una versione più estesa della metta.

Possiamo pronunciarla pensando a noi stessi o agli altri o anche ad una situazione alla quale vogliamo mandare luce.
Credo che ci siano situazioni o meglio momenti in cui non possiamo proprio fare nulla per cambiare/modificare le cose.
Ad esempio,quella persona ci ha feriti e sentiamo che non è il momento di agire o reagire...
Una cosa possiamo fare, pronunciare la metta

Che tu possa avere buona salute
sicurezza interna ed esterna
la gioia nel cuore e 
agio di vita.

Se riesci a dedicare la metta al tuo "nemico" del momento, inteso come chi ti ha ferito, automaticamente contribuisci a sciogliere il rancore dentro di te...

Se la mandi a te stessa/o, ad esempio, prima di un colloquio  contribuisci ad infonderti coraggio.

Se la "indirizzi" pensando ad una situazione passata che ti ha fatto soffrire stai contribuendo ad attivare un processo di guarigione.

Che tu la veda come una formula magica o un piccolo escamotage per provare a superare alcune situazioni una cosa è certa: non farai del male a nessuno.
Male che vada non funzionerà, male che vada non accadrà nulla.
La pratico spesso e la metta per me funziona.

Non voglio stare ad analizzare  se si tratti di amore che viaggia (anche se sento che è così) oppure effetto placebo, io la metta la uso ;)

Se vi va potete provare qualche volta, senza aspettative, solo per il gusto di sperimentare.


lasciarsi attraversare

Lasciandomi attraversare dalle emozioni di questi giorni di vacanza.
Al corso ci hanno dato qualche giorno libero per il ponte e ne approfitto per:
dormicchiare
stare con i miei amori... Vikram e la pelosetta
alzarmi presto per
uscire a fare la spesa insieme a lui,
andare in libreria e annusare i libri, sfogliarli, acquistarli con lui
prendere un caffè al bar in cui lavora un suo amico
cazzeggiare su facebook e pensare se sia arrivato il giorno di chiudere il profilo anche se
da una parte è comodo.
C'è il gruppo dell'università, il gruppo del corso e quello dell'associazione.
Ci sono le persone care lontane e qualche amica blogger.
E un pò di svago.
Dall'altro lato parte della mia vita viene messa sotto una lente d'ingrandimento con tutto quel che ne deriva.
Non tutti hanno buone intenzioni, c'è chi lo usa proprio per spiarti, travisare,giudicarti e anche per ferirti (lo scopri aimè dopo).
Proprio come un tempo i pettegoli facevano alla piazza.
Adesso è tutto più amplificato.
In tutto il marasma generale capitano anche persone così.

Chiusa questa parentesi facebook oggi ne ho approfittato anche per pulire casa, dare gli auguri a mia nonna per il suo compleanno e sentirla triste al telefono perchè oggi è anche il giorno dei morti.
L'abbiamo festeggiata ieri, tutti insieme, l'abbiamo avvolta con il nostro calore.
E lei ci ha detto :
Questo è l'ultimo anno che festeggio.
Mi fermo a ...anni!

Lei che dice sempre di essere giovane dentro, che è sempre pimpante e chiacchierona è un pò come Peter Pan che non vuole più crescere.

Stamattina  in libreria e le abbiamo preso un pensierino.
E non abbiamo resistito, abbiamo preso dei pensierini anche per noi.
Chi sa resistere al profumo dei libri?

Il mio è
Racconti di una solitudine insonne
del Subcomandante Marcos

Lo desideravo da tanto tempo e quando io e  iniziammo a frequentarci una delle mie più care amiche mi mandò un passo di questo libro.
Oggi in libreria ho aperto a caso tra le pagine e mi sono ritrovata proprio tra quelle parole

Eccole

La favola del per sempre

C'era una volta un Lui fatto di notte.Ombra di ombre,passo solitario,molte notti camminò per incontrarla.
C'era una volta una Lei fatta di giorno.Bagliore color del grano,pura danza di luce, molti giorni camminò per incontrarlo.
Molto tempo si cercarono il Lui e la Lei.Molte volte inseguì la notte il giorno.Sapevano entrambi, il Lui e la Lei, che cercavano qualcosa d'introvabile, sembrava impossibile che mai e poi mai...
E poi arrivò l'alba, per il Lui, per la Lei.Per sempre.

Tan-tan


L'ho lasciato sullo scaffale, per poi riprenderlo tra le mani, perdermi tra le righe, rilasciarlo e poi seguire un moto interiore ed acquistarlo :)
I soldi per i libri sono sempre spesi bene.

E voi cosa state leggendo di bello?