venerdì 2 novembre 2012

lasciarsi attraversare

Lasciandomi attraversare dalle emozioni di questi giorni di vacanza.
Al corso ci hanno dato qualche giorno libero per il ponte e ne approfitto per:
dormicchiare
stare con i miei amori... Vikram e la pelosetta
alzarmi presto per
uscire a fare la spesa insieme a lui,
andare in libreria e annusare i libri, sfogliarli, acquistarli con lui
prendere un caffè al bar in cui lavora un suo amico
cazzeggiare su facebook e pensare se sia arrivato il giorno di chiudere il profilo anche se
da una parte è comodo.
C'è il gruppo dell'università, il gruppo del corso e quello dell'associazione.
Ci sono le persone care lontane e qualche amica blogger.
E un pò di svago.
Dall'altro lato parte della mia vita viene messa sotto una lente d'ingrandimento con tutto quel che ne deriva.
Non tutti hanno buone intenzioni, c'è chi lo usa proprio per spiarti, travisare,giudicarti e anche per ferirti (lo scopri aimè dopo).
Proprio come un tempo i pettegoli facevano alla piazza.
Adesso è tutto più amplificato.
In tutto il marasma generale capitano anche persone così.

Chiusa questa parentesi facebook oggi ne ho approfittato anche per pulire casa, dare gli auguri a mia nonna per il suo compleanno e sentirla triste al telefono perchè oggi è anche il giorno dei morti.
L'abbiamo festeggiata ieri, tutti insieme, l'abbiamo avvolta con il nostro calore.
E lei ci ha detto :
Questo è l'ultimo anno che festeggio.
Mi fermo a ...anni!

Lei che dice sempre di essere giovane dentro, che è sempre pimpante e chiacchierona è un pò come Peter Pan che non vuole più crescere.

Stamattina  in libreria e le abbiamo preso un pensierino.
E non abbiamo resistito, abbiamo preso dei pensierini anche per noi.
Chi sa resistere al profumo dei libri?

Il mio è
Racconti di una solitudine insonne
del Subcomandante Marcos

Lo desideravo da tanto tempo e quando io e  iniziammo a frequentarci una delle mie più care amiche mi mandò un passo di questo libro.
Oggi in libreria ho aperto a caso tra le pagine e mi sono ritrovata proprio tra quelle parole

Eccole

La favola del per sempre

C'era una volta un Lui fatto di notte.Ombra di ombre,passo solitario,molte notti camminò per incontrarla.
C'era una volta una Lei fatta di giorno.Bagliore color del grano,pura danza di luce, molti giorni camminò per incontrarlo.
Molto tempo si cercarono il Lui e la Lei.Molte volte inseguì la notte il giorno.Sapevano entrambi, il Lui e la Lei, che cercavano qualcosa d'introvabile, sembrava impossibile che mai e poi mai...
E poi arrivò l'alba, per il Lui, per la Lei.Per sempre.

Tan-tan


L'ho lasciato sullo scaffale, per poi riprenderlo tra le mani, perdermi tra le righe, rilasciarlo e poi seguire un moto interiore ed acquistarlo :)
I soldi per i libri sono sempre spesi bene.

E voi cosa state leggendo di bello?

Nessun commento:

Posta un commento

☾ Tat Tvam Asi ♥