martedì 12 febbraio 2013

Della cura del corpo

In questi giorni mi tornano spesso in mente le bambine saharawi conosciute durante l'accoglienza estiva.
Sto per abbandonare le mie comodità e i vezzi come i trucchi,la piastra per capelli che utilizzo nelle rare occasioni mondane e tutto quello che c'è metaforicamente nel mio beautycase.
Ho fatto a meno di queste cose tante volte, posso vivere senza, ma il mio lato più civettuolo a volte si diverte ad utilizzarle.
Mi rendo conto però, guardandomi intorno, di quanto molte donne diano eccessiva importanza a tutto questo.A me stessa piacerebbe tornare ad essere più selvaggia.
E così penso alle bambine saharawi e alla loro accompagnatrice, una donna adulta.
In circa un mese di accoglienza le ho osservate, ho interagito con loro e mi sono affezionata.
Ho imparato davvero tanto e posso dire che l'accoglienza si sia in un certo senso, sviluppata al contrario.
Quelle ad accogliere, in realtà, sono state loro!

Ho visto in queste bambine, frutti ancora acerbi, la bellezza e la fierezza delle donne che diventeranno, la determinazione di un popolo.
Una bellezza che fiorisce dall'interno e si ripercuote naturalmente fuori,nei loro visi belli come luminosi raggi di sole.

Mi hanno insegnato,tra le tante cose, che si può essere femminili e  belle prendendosi cura di sè stesse in un modo semplice, fin da bambine.
Attraverso quelli che, ai miei occhi, sono apparsi come dei riti.

  • Della crema .
  • Dell'hennè

Cerimoniali da svolgere a mente lenta,slegata.
LentaMente.
Movimenti leggeri,quasi ipnotici.

Crema bianca come nuvole da utilizzare in abbondanza.
Crema per celebrare il corpo, tempio dell'anima.
Crema per proteggersi dall'aridità del deserto.

Hennè sulle mani.
Colore ad adornare e proteggere le dita.
Piccole falci di luna all'henna, sulle unghie.

Lawsonia inermis Ypey36.jpg


pianta dell'hennè, foto presa da qui




Mentre ballano la Pizzica...




CremaDolceCarezza sui capelli per sciogliere i nodi che il vento del deserto ha creato, passando attraverso le trame corvine.


Donna dai capelli neri
cascata universale di notte apparsa
con il tuo sorriso.
Creasti una vita di ansie e diritti
in un popolo che ti venera.
Le tue parole,
consolazione del ferito e ricetta contro il dolore,
sguainano pugnali di rose
che fioriscono sulla patria.
E le tue mani mansuete
per mordere il bordo del pane e la vita sono ribelli,
quando impugni le armi
e difendi i tuoi figli.
Donna fatta di sole, sabbia e ragione
il tuo dolore immenso e` il peso che ci opprime
e il tuo grido alle "jaimas"
dove il tuo sudore e` pane, case, scuole e ospedali
si erge schiaffeggiando
il tempo e gia` sei ascoltata.
Donna nel tuo sguardo
c`e` odio per l`invasore
ma cresce la speranza
e l`amore si scatena
come cataclisma di passioni.
Donna tu sei il popolo, anche Tu sei rivoluzione 




Questa poesia, scritta da un uomo saharawi, è un inno alle donne saharawi.
L'ho trovata qui






Spero di tornare un pò più donna e con la mente slegata, un cavallo libero.
Come quella mandria selvaggia che vidi attraversare la natura, qualche anno fa.
Ancora mi chiedo  ti ho vista per davvero? oppure eri una Visione? dovuta ad un eccesso di libertà? Quando vivevo, per alcuni periodi,totalmente immersa nella natura?









4 commenti:

  1. Questo post fa pensare: noi donne della "società occidentale" siamo libere (o almeno lo siamo di più e in modo diverso rispetto alle nostre antentate o alle nostre sorelle di culture lontante), ma volte ci facciamo imbrigliare da corde invisibili che ci imprigionano e ci fanno essere ancora schiave di qualcosa di estremamente vano. Il culto della bellezza e della forma, quando non lo pratichiamo per noi stesse ma per uniformarci a dei modelli, diventa una forma di schiavitù molto subdola. Truccarsi, indossare un bell'abito, prenderci cura del nostro corpo dev'essere una lode a noi stesse, una celebrazione del nostro corpo anche quando non si uniforma .
    Abbiamo molto da imparale dai rituali che descrivi,per prima cosa che si può essere naturalmente belle, senza troppi artefatti. è una consapevolezza che dovremmo avere tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, cosa aggiungere alle tue parole?Niente.Non fanno una piega.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Ciao, come promesso vengo anche io a salutarti!!
    Anche io spesso penso a quelle donne che, con pochi gesti riescono ad essere bellissime. A volte, come te, vorrei essere un po' come loro, preoccuparmi meno dei trucchi...
    A presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kore, grazie di essere passata,ne sono molto felice!Non è un male curarci di noi stesse, anzi...è diverso il modo e la sacralità dei gesti.
      baci :*

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥