lunedì 11 febbraio 2013

Quando si accende il tasto ON...

Eccomi nel cantuccio fatato, non ho bisogno di niente se non una stufa che borbotta e una pianta che scende dal soffitto,quasi ad accarezzarmi il capo.
Ho acquistato questa pianta, una cascata di verde,durante una delle nostre passeggiate al garden center.
L'avevo già notata tempo prima e ne ero inspiegabilmente attratta.
A volte mi sono chiesta perchè senza trovare risposta.
Ci fa compagnia da mesi, con la sua presenza silenziosa e gentile e il verde vivo delle sue foglie è una carezza allo sguardo anche quando è stanco.
Lei ascolta ed è pura presenza.
E poi giorni fa... riguardando vecchie foto, dai miei l'ho vista...
Era lì,quieta e gentile, nella nostra vecchia casa,accoccolata vicino alla porta/finestra, quella che si affaccia sulla corte dove ho giocato tanti pomeriggi da bambina.
Era davvero lei?
Non proprio, ma le somigliava tanto.
Si tratta di una delle tante piante accudite con amore dalla mamma e voglio dirlo ad alta voce, voglio bene a questa piantina che viene dal passato e che  il mio cuore non aveva dimenticato.
Amiamo delle cose senza nemmeno sapere il perchè...forse non è nemmeno importante conoscerlo ma questa scoperta, in quel momento, è stata come un bacio all'anima.

Ma non ho scritto per parlarvi solo di questo.
Avete presente quegli incontri casuali,durano magari pochi istanti,ma ce li portiamo dentro a lungo per un motivo o per l'altro?
Questi tre sono stati decisivi per guardarmi allo specchio.
_____________________________________________________________________________

Conversazione su internet con una compagna del liceo

Lei              Cosa fai adesso?
Chandana     Mi occupo di  bla bla bla bla
Lei               Credevo che saresti diventata una scrittrice!Scrivevi così bene!Non posso dimenticare quei temi a scuola, che la prof leggeva ad alta voce!Peccato!
Chandana     .........................................................................................................................

_______________________________________________________________________________
Incontro casuale con un vecchio amico che non vedevo da anni

Lui              Ciao come stai?
Chandana     Bene e tu?lavori qui?
Lui               Si, sto qui adesso e tu dove sei finita?
Chandana    Abito a pochi chilometri da qui!
Lui               Credevo che fossi in giro per il mondo, una come te!ti credevo chissà dove,a                           Londra! che ne so!
Chandana  ...Eh si che a Londra ci sono stata, ma non è la stessa cosa...


_______________________________________________________________________________
Incontro casuale 2 (con la sorella della mia amica del cuore ai tempi di scouts/scuola/post maturità)

Chandana Ciao bella, da quanto tempo!
Lei           Davvero, che bello vederti!Scusami, ma in quale parte del mondo sei adesso?

_______________________________________________________________________________







Questi incontri risalgono a qualche mese fa, non sono poi così recenti, ma hanno avuto un impatto su di me...come se la vita volesse sbattermi in faccia delle questioni lasciate in sospeso...infatti sono qui a parlarne.
Tutto quello che faccio adesso è senza dubbio fatto con amore e perchè lo voglio.
Ma quello che volevo diventare da adolescente?
Volevo scrivere e girare il mondo.
Solo questo m'importava ed i miei amici lo sapevano ed evidentemente ci credevo talmente tanto, che loro ne erano convinti più di me.
Potrei dare la colpa agli ostacoli della vita,alla sfortuna,ad altre passioni che sono nate dopo.
La verità è che non ho seguito la mia vera natura o almeno in parte.
Mi sono bloccata.
Sto scavando a fondo, levando gli strati della cipolla, uno ad uno, con malinconica lentezza.
Quello che trovo alla fine di questa pulizia minuziosa è la mia voglia di viaggiare, che è nata quando sono nata io, e di scrivere, la mia più grande meditazione.
Forse non diventerò mai una scrittrice,però intanto coltivo l'Amore attraverso i miei blog, tra post pubblicati e altri in sospeso, come dolci segreti sussurrati al cuore.
Quanto alla voglia di girare il mondo...su quella che dire...siamo in partenza!
Lo sapete bene, vi ho fatto una testa così.
Come minimo avrete un resoconto dettagliato fino a quando non dovrete dirmi bastaaaa!
C'erano tante cose che mi frenavano dal viaggiare.


  • Prima: Lavoro,ho i soldi,ma i miei amici sono disoccupati e al verde e  non voglio viaggiare da sola
  • Poi: Ho la compagnia giusta per fare un viaggio ma non i soldi.
  • In seguito: non sono più coraggiosa come un tempo,sono grande,non psso stare dietro a queste fantasie
  • Infine: sto semplicemente bene qui,  e mentre convincevo me stessa,pensavo a quei vecchi saggi che vivono nelle caverne e mi sentivo un pò saggia anch'io  ( questa poi!).

E' proprio il caso di dire ci ho meditato su ,sono "entrata" nelle mie paure iniziando man mano a capirci  qualcosa.
Ogni tanto si accendeva una lampadina... mi dicevo ok adesso hai visto questa cosa...lasciala sedimentare e poi vediamo cosa succede.
Alla fine è successo che ho capito questo: tutte scuse
Se vuoi davvero qualcosa fai in modo di ottenerla.
Sarà banale, scontato, ma è così.
Ci vorrà fatica, ci vorrà tempo,ci saranno da affrontare degli ostacoli ma sennò che gusto c'è?
Non vogliamo mica le cose servite su un vassoio d'argento no?
E anche se le volessimo..chi ce le porterebbe?
Quindi ci rimbocchiamo le macchine e ci mettiamo al lavoro.
Quanto ci vorrà?
Una settimana, un mese, un anno, dieci anni?
Va fatto!



Tutto il resto, tutto ciò che sono adesso, continua a vivere in me e con me, come rami che si espandono dall'albero grande delle mie passioni.
Coesistono e si completano.
Ma adesso no, non posso più ignorare questo fuoco che ho dentro.


                         Era lì sopito, ma la sua fiamma arde scaldando il cuore e l'anima.


E voi, quali sono le vostre passioni?
Le avete coltivate?
Parliamone :)


Prima di lasciarvi voglio ringraziare Francesca per le belle parole spese nei miei confronti.Qui su blogspot stanno nascendo delle belle amicizie.



 Grazie per la lettura!
Prima di lasciarvi...se volete sapere cosa porterò in viaggio da leggere andate a curiosare qui
Dico solo che è un libro scritto da una donna che stimo molto, un'amica.


3 commenti:

  1. Si sente davvero che s'è acceso qualcosa dentro te, forse è la trepidazione per il viaggio tanto atteso? :)
    Fare i conti con sé stessi e il bilancio della propria vita è una gran prova di coraggio, come anche tornare sui propri passi a recuperare le passioni lasciate da parte per le scuse che ci raccontiamo.Mai troppo tardi, brava!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro e ti ringrazio per la tua vicinanza :) Un abbraccio dolce dolce, rimaniamo in contatto.

      Elimina
  2. io ho delle questioni non concluse ... la fotografia ad esempio. ma che vuoi farci, magari la riprenderò...
    è davvero bello leggere delle tue passioni ancora così vivide!
    ... http://neuro-pepe.blogspot.it/2013/02/in-decrescita-piglio-e-giro.html ;-)

    RispondiElimina

☾ Tat Tvam Asi ♥