giovedì 16 maggio 2013

Upaya


Un piccolo travaglio interiore,una domanda all'esistenza che poi è una domanda a me stessa.
La lascio sedimentare dentro e attendo una risposta.
Ci vuole pazienza se la risposta non arriva subito,ogni cosa a suo tempo.
Si può fare solo una cosa in questi casi,mi ascolto.
E poi mi sono "prescritta" la meditazione dinamica (e a  tal proposito vi segnalo anche questo vecchio post di Cicabuma, che l'ha sperimentata per un lungo periodo-leggete anche i suoi commenti sotto al post-  ;p) oltre alla meditazione del martedì e allo yoga del mercoledì.
Come se non bastasse nel gruppo di meditazione si è aggiunta gente nuova e così le dinamiche cambiano, il momento finale dello sharing si fa più intenso perchè al suo interno si riversano altri vissuti, con il gruppo che fa da contenitore e da copertina di Linus.
Input nuovi e "cose" diverse da guardarsi.
Per il resto dei giorni la mia vita scorre delicata, senza grandi scossoni,ci si prende cura della casa, degli animali e delle piante,si chiacchiera con Vì,il mio compagno, si programmano nuovi seminari esperienziali ai quali partecipare,progetti lavorativi da presentare, si trascorre del tempo con i fratelli.
Nelle mie notti si riaffacciano sogni liberi e simbolici, così particolari che da tempo penso di annotarli su di un taccuino.
A volte, sogni premonitori.
Una vecchia strega  che mi parla, una giovane donna che richiama una carta dei tarocchi da decifrare al risveglio.
E stanotte ho sognato di praticare yoga,asana,uno dopo l'altro ininterrottamente,danzando nel Circo della vita,leggera e libera,il sorriso dal Cuore.
Sarà stata la lezione di ieri, particolarmente catartica,mi son ritrovata nel letto, la sera, con il corpo totalmente abbandonato,rilassato,libero.

Voglio lasciarvi un altro film,scritto e diretto da Romina Power,una donna che come molte di noi, ama tanto l'India.
Guardando questo video, mi è sembrato di rivedere momenti dei nostro viaggio, il mio amore,la sua trasformazione attraverso i miei occhi.
Per me è stato molto più semplice tu sei proprio di qua mi hanno detto qui per te è casa.
Mi piace pensare che sia così, anche se dentro di me so il perchè di quella camminata a cuor leggero per le strada di Mamma India.

Il video dura una trentina di minuti, l'inglese è molto comprensibile, ma anche nel caso non si dovesse comprenderlo...le immagini parlano da sole e sono molto intense.

 Ve lo linko anche qui

Spero che vi trasporti da quelle parti...
Namastè!
Chandana

2 commenti:

  1. Lascia che sia, lascia che sia... Sii testimone di ciò che ti accade. Le cose vengono, le cose vanno. Sei una bellissima anima, questo ti sarà sempre di aiuto!!!
    Ti abbraccio tanto
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie,sei un tesoro!Mi fai emozionare...un grande e dolce abbraccio <3

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥