martedì 28 maggio 2013

Vieni a ballare in Salento lento lento

Un piccolo travaglio interiore,una domanda all'esistenza che poi è una domanda a me stessa.
La lascio sedimentare dentro e attendo una risposta.
Ci vuole pazienza se la risposta non arriva subito,ogni cosa a suo tempo.

Così scrivevo qualche post fa...vi accennavo anche di sogni premonitori.
In quel momento non me la sono sentita di raccontarvelo, ma adesso posso dirlo,una notte ho sognato la Papessa.
In quel sogno (lucido) ho pensato alla carta dei tarocchi e così la mattina, appena sveglia, ho acceso il pc per controllarne il significato.

La Papessa

Rappresenta la sacerdotessa  del mistero ovvero la conoscenza al femminile,rispettata e assecondata nei tempi più antichi come la via dell'intuito e del cuore [...]
Sotto il suo manto porpora ed azzurro, i colori della spiritualità e della saggezza,si cela, dunque, l'immagine della Grande Madre cosmica, la Terra, conosciuta e adorata dagli antichi culti sotto il nome di Iside, Diana,Ishtar, Sequana. La Papessa simbolicamente collegata alla Luna che regola l'emotività e la veggenza,è la signora dei saperi notturni, iniziatici.

Significato

...Il successo e la completezza assicurati dalla carta non riguardano tanto il piano materiale  dell'esistenza, quanto piuttosto la crescita interiore e le questioni dello spirito.
Rappresenta ciò che cresce lentamente  attraverso un profondo processo di trasformazione e di silenzio.La Papessa, nell'interpretazione divinatoria,presenta potenzialità conoscitiva,intuito e deduzione insieme, analisi del profondo, e per analogia anche la psicanalisi, obbliga a un lavoro interiore.Rappresenta una figura femminile che non difficilmente si adatta ad un ruolo subalterno,poichè ha in sè una grossa polarità maschile,non sottostà, quindi, ad un atteggiamento passivo.E' anche la conoscenza di noi stessi e degli altri,svelamento dei misteri,grande dedizione costanza nelle opere intraprese.
Riflessione, fede, oggettività, pazienza.

Il tempo
La Papessa o Giunone, è mediamente lenta da uno a tre mesi.

La pietra abbinata è l'Ametista,il Giaietto fonte qui

E ancora,un altro sito dice che il suo potere deriva dalla luna e dall'acqua

Esercizi consigliati

Leggi un libro che ti aiuti meglio a capire meglio te stesso e l'universo che ti circonda (il mio è questo )
Tieni un diario dei tuoi sogni.


la Papessa  dei tarocchi di Jodorowsky
Dai tarocchi di Jodorowsky

Nell'unione con la potenza che avverto in ogni cosa,le mie debolezze e i miei dubbi svaniscono.
Abito il mio corpo come un luogo sacro, in qualsiasi momento posso trovare il posto che mi spetta.
Sono immersa nella mia opera e nulla mi distoglie da essa.
Nulla può afferrarmi o imprigionarmi con sentimenti,desideri, proiezioni mentali.Nulla mi distrae.Nulla può distogliermi da quello che voglio.Io stessa non voglio nulla,obbedisco alla Volontà divina.
Non sono indulgente, sono inflessibile.
Non sono in possesso di nessun segreto,perchè sono vuota.
Mi consegno a Dio,che è l'unico segreto.
Alcune interpretazioni tradizionali :
studio, stesura di un libro,perdono, ritiro, attrice che studia la sua parte,ostinazione, silenzio, meditazione,saggezza al femminile, la lettura di testi sacri ecc.

Ripenso a questa carta e ci medito su.
So che quello che si è svelato a me nel mio weekend emozionale ha a che fare con la Papessa.
E allora mi ascolto e aspetto.
Ma questo lavoro interiore ha bisogno anche di respiro e così ieri, seguendo l'invito di un amico,una persona saggia e importante, presente, nelle nostre vite,un maestro ma all'occorrenza anche un "papà" adottivo, premuroso ...siamo usciti a divertirci un pò.
In un paesello a pochi minuti da casa (lì vicino ci abita Michele Placido),si svolge in questi giorni la festa della Madonna della Coltura,al suo interno un'altra manifestazione il Barrìo vecchio in Festa o meglio una festa sostenibile nel vecchio borgo, con istallazioni,laboratori,musica,degustazioni a km0.
E naturalmente giacchè c'ero, ho portato la mia inseparabile fotocamera, per documentare la serata iniziata con l'incendio del campanile dal quale sono stati sparati fuochi d'artificio dorati, fiori artificiali e luminosi nel cielo del Salento magico, la mia terra mistica di scazzamurieddhi dispettosi, macàre misteriose,guaritori sconosciuti,culla di leggende come quella di Leucasìa
E mentre ero lì, con il naso all'insù, stretta stretta a tante altre persone,ho capito perchè sono nata qui, in questa terra antica e fatata, terra rossa e primitiva.

Scazzamurieddhu o Laurieddhu,immagine da web


Ci sono altri posti che amo,ma questa è la mia terra natia,qui ci sono le radici,qui ho ricevuto, con il primo respiro,l'energia vitale intrisa della magia di questi luoghi.
Qui vivo e anche se a volte me ne allontano, ci torno sempre perchè lei,la terra mi richiama sempre a sè.
E' un legame atavico,viscerale,necessario.
Ve la faccio conoscere un pochino, attraverso le foto che ho scattato ieri.

Si aprono le danze di luci



Bagliori nella notte

Accensione musicale delle luminarie

Venditori di scapece

La Banda

Percorso poetico tra i vicoli magici



Venditore di cupeta


Tarantata

all'interno di un'antica corte

Spettacolino nel borgo

ancora luminarie

Uomo sui trampoli :)

Spero vi siano piaciute!
Ne caricherò altre,nei prossimi giorni,sul profilo facebook collegato al blog, vi aspetto anche lì :D
Prima di lasciarvi segnalo a quante di voi sono mamme (e perchè no, anche a qualche papà di passaggio), questa piattaforma creata appositamente per voi genitori blogger, dove potete far conoscere anche il vostro blog :)
Detto questo, per oggi vi saluto,
Chandana

8 commenti:

  1. ma che bellezzaaaa... avessi tempo verrei a corsa ;).. l'estate di mercati incombe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina sai che ti ho pensata mentre caricavo le foto di questo post?Spero che verrai davvero e di conoscerti :) Un abbraccio

      Elimina
  2. Mi sono iscritta a Mammacheblog... grazie della segnalazione!!!
    Per quanto riguarda la Papessa, credo che non potevi sognare carta più adatta a te... Non trovi?
    Mi mandi un po' di caldo e di sole, te ne prego. Fra un po' mi cresceranno i funghi sulla testa!!!
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, il bello è che non conoscevo questa carta!Mah! :)Ma perchè lì piove ancora?Qui c'è il sole anche oggi,spero che qualche raggio ti raggiunga :)

      Elimina
  3. Mado', le luminarie, la scapece (!!!) e "lu lauru" (da noi si chiama così lu laurieddhu, quel folletto...) le radici chiamano...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una bella festa :)Il folletto dispettoso a Galatina,la mia cittadina, lo chiamiamo Sciacuddhi mentre qui nel paesello in cui vivo è lo Scazzamurieddhu.
      A distanza di pochi chilometri cambiano le parole, è una cosa che mi ha sempre affascinata delle nostra terra :)

      Elimina
  4. Che belle queste feste di paese...
    Non conosco bene la tua terra, ma quel poco che ho visto durante un weekend che ho passato in Puglia mi ha convinto che prima o poi la devo visitare bene..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) dove sei stata di bello?E' una terra che offre molto,io stessa imparo sempre nuove cose e mi stupisco di tanti aspetti e tradizioni che magari,fino a un momento prima, non conoscevo.Torna,torna :)

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥