domenica 9 giugno 2013

Tra Leuca e l'arcobaleNO

Noi il sabato sera di solito non usciamo, ma ormai è estate e poi la routine va stravolta, così abbiamo deciso di tornare al nostro cinemino per vedere NO.I giorni dell'arcobaleno di Pablo Larrain (con l'accento sulla i che la mia tastiera non ha)
Per l'occasione,nel cinema,è stato ripristinato il cineforum.
Questo film,girato come un documentario parla de la storia della campagna pubblicitaria che ha sconfitto Pinochet.
La campagna del No, quella contro Pinochet, punta sulla creatività,l'allegria,la libertà,i colori dell'arcobaleno e... vince.
Non voglio dirvi nulla,si vi va guardatelo, magari lo trovate anche in streaming.
Vi accenno soltanto che il protagonista è il giovane Renè Savedra,interpretato da Gael Garcia Bernal,che avevo già visto ( e amato) come giovane Che Guevara ne I diari della motocicletta.
Inizialmente,non mi sono sentita ben disposta verso il film che sembra girato con telecamere dell'epoca poi man mano mi sono appassionata alla storia e mi sono lasciata trascinare dentro lo schermo.
(Sarà che mi aveva annoiato il dibattito e l'attesa prima del film ed ero scarica).
Questo è senza dubbio un film politico, ma non solo.
Sono stata accusata di fare politica su questo blog, io non credo,qui parlo della mia vita e delle emozioni che provo,se poi qualcuno può vedere in alcuni post,un collegamento con la politica,non ci posso fare nulla.
Mi piacerebbe che chiunque, passando di qua, si sentisse a suo agio, ma non voglio certo censurare le mie emozioni,anche perchè pure io voglio puntare sull'Allegria! ;)

Ecco il trailer del film,candidato all'oscar 2013 come miglior film straniero.



Mi ha colpito che la creatività abbia vinto,che queste persone abbiano usato la loro intelligenza e i loro talenti per fare la rivoluzione senza violenza e senza spargimento di sangue (da parte loro).
Nel mio piccolo vedo che in Italia tanta gente si sta dando da fare per il cambiamento,utilizzando tanti canali diversi.
C'è chi utilizza la sua arte,chi si serve della meditazione e dello yoga,poi c'è chi spaccia la pasta madre e auto-produce,chi baratta,chi volge l'attenzione all'alimentazione,chi ricicla e chissà quanti altri modi mi sfuggono.
Questo è un modo pacifico di fare la rivoluzione,di dire NO.IO NON CI STO.
E poi,c'è chi fuori dall'Italia,protesta in allegria,questo post mi è piaciuto moltissimo!

...Questo weekend per noi è stato anche Salento,Leuca bianca e baciata dal sole aspro di giugno,ma che ti entra dentro e rivitalizza l'anima.
Hanno aperto per due giorni le ville belle di Leuca,o meglio i giardini delle ville, quelle antiche e ricche e noi ci siamo andati.
Ecco una carrellata di foto

tra i fiori melodie di pianoforte a coda...


sul lungomare di Leuca,ripensando alla passeggiata domenicale sul lungomare di Pondicherry...

Questa scultura mi ha colpito molto

Scorcio di un palazzo fiabesco visto dal giardino di una villa importante


Villa Meridiana,per la presenza della Meridiana.Mio nonno amava crearle!


questa stranamente era chiusa



particolare

E' stato bello trascorrere una mattinata diversa e perdersi tra i vicoli di Leuca, con il mare che faceva l'occhiolino venite a tuffarvi tra le mie braccia diceva.E noi tra qualche giorno...


scatto del mio Amore

Anche se al mare c'è già chi fa il bagno da tempo.Sarà che per noi l'estate dura da febbraio...che strano.

Bagnanti e vista del faro di Leuca in lontananza


Simpatica ricostruzione di una Torretta



Sono in piena crisi post.India...mi manca tanto.Mi conforta la dolcezza degli abbracci che ricevo tra le curve della mia terra e ritrovo una stessa radice di semplicità,nonostante sia tutto diverso.
Quando la nostalgia diventa più acuta,ne parlo con il mio Amore, ma lui è categorico: non ci vuole più tornare.
E' stata un'esperienza importante ma non vuole rimetterci piede...
Ed io passo le giornate invece a ricordare,riguardare le foto,sognare il momento in cui ci tornerò, perchè so che accadrà e presto.
Abbiamo deciso,anzi mi ha proposto lui,che se avrò la possibilità di continuare il mio viaggio,lo farò.
Anche questo è amore,non impedire all'altro di realizzare il proprio cammino,non trascinare l'altro con sè a tutti i costi.
Dopotutto,quando eravamo lì,negli internet point, più di una volta ci siamo imbattuti in coppie che prendevano appuntamento su skype.
Per un periodo si può fare.
E poi chissà...spero sempre che cambierà idea :P


Lu fruttivendulu


Stranamente la villa più maestosa e fiabesca era chiusa,ma abbiamo comunque dato un'occhiata da fuori





In questo post vi ho nominato la leggenda di Leucasìa, rimandandovi al link.
Leuca è tutta bianca, anche le case comuni,adornate di fiori.



E' bello viaggiare ed io viaggiando,nel mio piccolo,ho scoperto che laggiù,a tanti chilometri di distanza c'è la mia Casa del Cuore.
Ma il Salento è la casa in cui sono nata,che sa farsi amare.

10 commenti:

  1. Quante cose in questo post! Il film mi sembra molto bello, lo cercherò.
    E che cielo nelle tue foto!
    E perché lui non vuole più tornare in India?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vorrei rivedere,mi ha entusiasmata!Si,c'è un bel cielo da queste parti,domenica poi era particolarmente bello.E' strano,lui i primi giorni del viaggio era pieno di entusiasmo,allegria,si lamentava che un mese era poco...e poi anche se abbiamo fatto le stesse cose, abbiamo vissuto diversamente la nostra avventura...l'India per alcune persone non è facile ma sono fiduciosa.

      Elimina
    2. Be', sì, perché è un'esperienza molto forte. Magari tra un po' di tempo l'impressione si attenuerà e lui sarà pronto per tornarci :-)

      Elimina
    3. Siii :) lo spero tanto,ma nel cuore so che è così,in fondo se non ha ancora disfatto lo zaino un motivo c'è... (non temete,i vestiti li ho già tolti e lavati io prima che ammuffissero :P )

      Elimina
  2. ciao. che bello il tuo blog. abbiamo tanti contatti comuni e un'innata passione per l'India mi pare. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta :) eh si,la passione per l'India c'è, eccome...e man mano che il tempo passa...aumenta!!!

      Elimina
  3. La prima Luna la amo visceralmente anche io, che vengo da quella stessa Puglia (poco più su del meraviglioso Salento), terra fatta di luce, di mare, di Olivi contorti, di amici e infanzia lontana. L'altra Luna - l'India - un giorno... chissà... mi attrae, tanto. Il mio Amore ne ha nostalgia, anche se non lo dice e a volte penso che un giorno, sandali e zaino in spalla partirà. Anche se... tre figli, nello zaino proprio non ci stanno! Sono appena entrata in questo tuo spazio... è intenso, pieno di vita... con calma ti leggerò. Grazie dell'ospitalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere passata e di aver commentato.Eh si la nostra Puglia è proprio fatta di luce... :) e quella terra lontana e misteriosa...impossibile non averne nostalgia se la si ama :) voi di Lune ne avete ben tre,i vostri figli,chissà che meraviglia crescerli <3

      Elimina
  4. La Puglia, il Salento, la nostra culla, come una sorta di trampolino di lancio per altri luoghi, altri sogni... be', l'India... lo sai, fin troppo bene. Che bello rivedere Leuca, amo molto Finibus Terrae (ti consiglio le poesie di Vittorio Bodini, da buona salentina devi leggerle, mi raccomandfo...)
    e chissà magari lui ti raggiungerà in India, anche se nn partite insieme, ricorda che l'India è un talismano ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vittorio Bodini... appena ho letto le tue parole l'ho cercato subito..."Tu non conosci il Sud, le case di calce
      da cui uscivamo al sole come numeri
      dalla faccia di un dado".Lo voglio assaporare con calma,grazie per il suggerimento :) La nostra Puglia con le "braccia" degli ulivi sempre pronti a cullarci...e all'occorrenza a farci da trampolino, si.Tu, forse senza rendertene conto(o forse si, non so), mi hai incoraggiata a fare questo Viaggio che solo pochi mesi fa sembrava un sogno impossibile.E' vero, l'India è un talismano, potente,irresistibile...il suo richiamo è fortissimo.Tornerò... :)

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥