giovedì 1 agosto 2013

realtà virtuale?

C'è qualcosa di poetico nello scrivere ad un amico conosciuto su penpalworld,un amico che si trova dall'altra parte del mondo,nell'amata India.
Ogni giorno scambiamo quattro chiacchiere su facebook e per quanto siano brevi conversazioni mi fa un piacere immenso.
Oggi ha scattato delle foto a degli oggetti nella sua stanza, per mostrarmeli.
Questa è la mia preferita


Credo proprio che la stamperò per appenderla in casa.
Ho sorriso immaginando lui che la scatta per mostrarla ad un'amica lontana, che non ha mai visto, ma alla quale augura il buongiorno ogni mattina e chiede sempre come sta.
Guardo quel frammento di altarino e la mia fantasia vola e sento questo collegamento sempre più saldo dentro di me verso la Mamma India.
E proprio quell'amico di cui parlavo su,mi dice in inglese adesso devo salutarti,qui son le 8 di sera e devo fare la puja
E mi sorprendo con un altro sorriso sul volto.
Anche questa tecnologia sa essere poetica se usata nel modo giusto.
E durante questa conversazione, se così possiamo chiamarla,arriva un altro dono inaspettato,un saluto da lei che si trova proprio lì e che penso ogni giorno e sento che la sta amando questa Mamma India.
E il suo saluto, il suo pensiero arriva qui nel caldo Sud dell'Italia come una benedizione per quello che sarà il mio ritorno, ma anche benedizione verso di  lei che ha fatto un lungo viaggio per vivere questa terra.Chissà quante emozioni!
E le vite s'intersecano anche nella realtà virtuale.





Nessun commento:

Posta un commento

☾ Tat Tvam Asi ♥