domenica 13 ottobre 2013

Sbocciano fiori sui tronchi degli ulivi

Andai per i boschi perchè volevo vivere in saggezza e profondità e succhiare il midollo della vita,sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire in punto di morte che non ero vissuto.
Henry David Thoreau

Una domenica pomeriggio a stretto contatto con la natura,lontani dal caos.
Abbiamo approfittato del sole e siamo usciti,nei nostri luoghi "segreti" quelli che amano e vivono solo alcuni.
Quei luoghi silenziosi,meditativi,accoglienti.



Ho un posto speciale,ci vado fin da adolescente.Ci sono dei laghetti popolati da libellule,rane,pesci felici.


Siamo arrivati lì in macchina abbiamo trascorso del tempo vicino uno dei due laghetti... poi abbiamo proseguito a piedi,ogni passo a scandire l'amore verso il territorio.


Ho sostato sotto un ulivo con le mie creature colorate,percependo l'energia che si sprigionava da questo guardiano silenzioso,dalla terra antica.


Poi abbiamo ripreso la macchina, percorrendo stradine asfaltate che costeggiavano uliveti,incontrando di tanto in tanto altri che come noi hanno cercato il contatto con la natura approfittando della giornata di sole dopo tanta pioggia.
Siamo andati in campagna di mia nonna.
Da bambina le cavità negli alberi d'ulivo erano casine di folletti e residenze estive delle mie Barbie.
Oggi sono diventati scrigni vivi e pulsanti per i miei Ojos de Dios,i miei mandala che sono sbocciati,fiori di loto del mio mondo.


Mentre il mio amore raccoglieva i frutti dagli alberi, tornavo bambina e ricominciavo a giocare.
Ho provato lo stesso senso di libertà,la stessa emozione di allora.
La stessa sensazione di leggerezza e pienezza.





Questi sono i luoghi che ho vissuto intensamente da bambina,i luoghi che mi hanno nutrita,che mi hanno dato le basi di quella che sono qui,ora.
Qui ci sono le radici.





Ho sentito il mio cuore pulsare all'unisono con il cuore degli alberi,degli ulivi.


 Ho camminato dove c'era il posto magico da bambina,la mia rotonda,nei pressi del noce.
Tanti alberi in cerchio e uno al centro ed io che andavo a meditare nei pomeriggi estivi,quando tutti dormivano.
Avvertivo il bisogno di un contatto profondo con la natura e stavo lì,seduta su una pietra.
Semplicemente,stavo.
Adesso al posto della rotonda ci sono due alberi robusti e fieri,due guardiani buoni.






E tornando a casa siamo passati da qui,dove mio nonno mi aveva portato per la prima volta,sempre da bambina.


La casa di un uomo particolare



Questo è il Salento intimo che amo e che vivo.
Questi sono i pochi luoghi ancora intatti che l'incedere del tempo ha solo sfiorato.
Qui è semplice lasciarsi semplicemente essere,qui il cuore pulsa di gioia e tutto è sereno.


21 commenti:

  1. Ma tu te lo immagini un intero bosco vestito dei tuoi mandala? Io lo sto facendo ora, e con questa immagine spero di addormentarmi sognando il tuo magico angolo di Salento. Bello come te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ieri l'ho immaginato?Ho anche pensato che se avessi la fortuna di vivere lì adornerei qualche albero per vederli al mattino quando mi sveglio.Che bello leggere che ti vuoi addormentare con quest'immagine,ti abbraccio forte!

      Elimina
  2. Adoro i tuoi ojos de Dios...
    Ti prego, dimmi come posso averne uno. Vorrei metterlo nella mia casa, per ricordarmi che lontano da me fisicamente, ma vicina nello spirito, ho una sorella che mi somiglia!!!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Francesca,ti ringrazio per le tue parole,so che vengono dal cuore.Scrivimi che ne parliamo premchandana@libero.it ,un bacio :*

      Elimina
  3. Che belle le immagini e i colori di questi Ojos de Dios, è la tua strada, seguili :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela,grazieeee :) E' proprio così,è come un fuoco dentro,le mani hanno voglia di muoversi in questi giorni,di creare e quando lo faccio mi sento in armonia con tutto :)

      Elimina
  4. Che belle queste immagini, raccontano poesia e beltà. Come bella e speciale sei tu.
    un abbraccio

    Lena

    RispondiElimina
  5. Non so se mi ha pubblicato il commento precedente quindi lo riscrivo.
    Le tue creazioni sono bellissime almeno quanto il loro significato di positività :)
    (e anche le tue scarpette gialle mi hanno catturata :D)
    Mi piacerebbe moltissimo avere un Ojo de Dios speciale per me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie ;) solari le scarpette,no? :) e quelle orme non so chi possa averle lasciate.Come ho detto anche a Francesca puoi scrivermi qui premchandana@libero.it oppure sulla pagina facebook Mandala&Bio Veg Cosmesi e ne avrai uno personalizzato :*

      Elimina
  6. Risposte
    1. Meno male che lo hai scritto,non so se ci sarei arrivata da sola :)

      Elimina
    2. Quello era il mio nick di quando ero più piccina :D mi piace ancora, ma ora preferisco Rose Mel :)

      Elimina
    3. Sono belli tutti e due infatti :) Quarto di Luna mi ha fatto pensare a Chandana (luce di luna) :*

      Elimina
  7. "Semplicemente, stavo". Bellissimo!
    Conosco questa sensazione, l'ho provata tante volte quando ero un po' più piccola , stesa al sole fra le margherite come Alice. I tuoi mandala nella natura sono splendidi, mi è venuta in mente la scena di un documentario in cui Tiziano Terzani fa vedere che ha "messo gli occhi ad un albero". :)
    Ne voglio fare uno per la porta di casa, quando ne avrò una, ho deciso.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ho cercato quegli occhi in India?Purtroppo non li ho trovati...mi aveva colpito quel gesto di Tiziano Terzani.

      Elimina
    2. Pare che qualcuno, andando all'Orsigna, abbia tolto gli occhi agli alberi...
      Che peccato!!!
      Mi avete fatto venire in mente che potrei mettere gli occhi agli alberi del mio giardino!!!! STUPENDO!!!

      Elimina
    3. Ma come??? Spero almeno siano stati i familiari e non qualche "fan", non è un gesto molto rispettoso..
      E pensare che io abito vicinissimo all'Orsigna e ci sono stata solo una volta, da piccola, ignorando di Tiziano e i suoi luoghi.
      Quella scena colpì molto anche me, è un modo per far capire anche ai bambini che tutto è vivo, attorno a noi :)

      Elimina
    4. E' un mio piccolo sogno andare all'Orsigna,salire in cima alla "montagna di Terzani"...sembra un piccolo Tibet.Peccato che abbiano compiuto quel brutto gesto...
      Se ci torni devi assolutamente scrivere un post :)

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥