domenica 29 dicembre 2013

Ricomincio con/da me ( una piccola grande impresa)

Lavorare così intensamente sul terzo chakra,sull'Io Posso, sta facendo salire in superficie turbamenti e comprensioni.
Perchè molti di noi boicottano i loro sogni?
Perchè ci nascondiamo dietro mille scuse,diamo la colpa agli altri di quello che non facciamo?

Mio marito non voleva
Il mio ragazzo è geloso
Non sono poi così brava 
Mi hanno sempre detto di essere poco intelligente
Loro si aspettano questo da me e non posso deluderli
Piano piano (mai) lo farò
E così via...

In linea di massima ho fatto in modo di realizzare i miei sogni, tutto quello che desideravo quest'anno è "arrivato".
Ma mi sono resa conto che comunque sto sprecando tutto il mio potenziale, ne sto sfruttando soltanto il 30%
...E se sfruttassi anche il 70% che rimane?
Che cosa accadrebbe?
La maggior parte delle persone che hanno segnato in positivo la mia vita è lontana geograficamente, impegnata a giocare al Gioco della Vita,a vivere il Sogno... non a sognarlo.
Adesso posso vederli felici e spensierati,ma so che dietro questo "risultato" c'è stata tanta tenacia, voglia di mettersi in gioco, giocare al rischio.
Perchè per avverare i tuoi sogni devi rischiare.Tutto.
Diciamocelo chiaro, se decidiamo di sviluppare l'Io Posso in modo armonioso (utilizzando il potere personale non sugli altri, ma per plasmare la nostra vita) rischiamo di perdere il divano comodo
(che magari avevamo anche dovuto conquistare), dobbiamo allontanarci dalla nostra zona di comfort.
Rischiamo anche di perderci qualche pezzo per strada, perchè se iniziamo a mettere alla luce la nostra vera essenza, non è detto che ai nostri cari, abituati a vederci in un certo modo, vada a genio.
Può andarti benissimo a questo punto di vista, ma anche malissimo.
E allora che fare?
Io salto.
In questi giorni mi sono presa dei momenti per riflettere,per stare.
Per riposare semplicemente nel letto, oppure leggere o ancora riguardare il mio workbook 2013, disegnare, scrivere, tessere.
Ho visto che inganno me stessa quando una persona mi dice una cattiveria e fingo che tutto vada bene, che con alcuni dissennatori non voglio proprio più avere a che fare, non sono costretta.
Perchè per loro non importa qualsiasi cosa farai, sarai sempre meno.
Non contano i tuoi progressi, i tuoi desideri, si rubano anche i desideri altrui giusto per fare dispetto.
(Che poi sono stupidaggini, ma è l'intenzione che ferisce più del gesto)
L'empatia è un'arma a doppio taglio, ti fa vedere/sentire il meglio e il peggio delle persone nascosto sotto una decorazione appariscente.
Ma ti fa anche comprendere che sotto determinati atteggiamenti di prepotenza, dietro battute velenose, nascosto con cura sotto una competizione spiazzante, c'è anche una certa frustrazione, un sentirsi " meno" (...e per questo tentare di sminuire gli altri).
Per come ero fatta prima, quando mi accorgevo di questo, rinunciavo a brillare piuttosto di sapere che le mie conquiste potevano causare in qualcuno una certa sofferenza.
E no, bella mia.
Hai delle responsabilità verso te stessa, non puoi trascurare il tuo giardino perchè il vicino non cura il suo come dovrebbe e poi rode nel vedere i tuoi fiori.
Non aiuti il vicino, sciupi un giardino e rinsecchisci.
E va bene, questo l'ho imparato.
Ho coltivato il giardino, mi sono impegnata...ma non troppo, non abbastanza.
Ma non è che alla fine il vicino è una scusa?
Un giardino bellissimo, che esprime le sue potenzialità all'ennesima potenza poi va curato, amato, non si può trascurare un solo giorno.
Poi ci sono le farfalle e gli animali selvatici che arrivano, non è una cosa che si può fare così!
Qualcuno potrebbe anche lamentarsi e sentirsi trascurato.

Stamattina l'ho dedicata a me.
Mi sono detta: come vuoi compiere grandi imprese se hai "paura" perfino di andare in campagna da sola?
Ho preparato il thermos caldo, la mia busta di carta con i filati e altre cose,mi sono messa in macchina e sono andata.
E varcando quel cancello verniciato di verde ho respirato.
All'improvviso non c'erano turbamenti e preoccupazioni, ma solo i versi degli uccelli, il sole che filtrava tra i pini, i colori della natura, tanto verde, marrone... Profumo di Casa.
Al sole mi sono ricaricata, ho passeggiato, bevuto la mia bevanda calda, creato una collana, giocato con la natura.















E così chiudo questo grande 2013 con la consapevolezza di...
Mi assumo le responsabilità, m'impegno, non nascondo la mano.
Respiro, prendo coraggio e salto.













9 commenti:

  1. wow… sono rimasta un attimo col fiato sospeso. che modo coraggioso di chiudere e ripartire, che grande ispirazione! buon anno, splendida Chandana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ylenia!Non so perchè,ma ho la sensazione che tu sia proprio tra quelle persone che hanno rischiato e adesso si deliziano dei frutti,una volta semini.Un abbraccio!

      Elimina
  2. Chandana, che meraviglia questo post, sono anche io costantemente ispirata e ancora intorpidita....ma nel mio ultimo post dell'anno, oltre che già nelle intenzioni, sento il fermento scorrermi nelle ossa e ho voglia di scriverne...
    Più rileggo questo tuo post più mi ritrovo in alcune cose.
    Buona rigenerazione.
    Un abbraccio colmo di luce e bene.

    Namastè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimenticavo...anche qui ... Buon anno :-*

      Elimina
    2. Che meraviglia il tuo fermento!Scrivi allora :) Non so cosa sarei senza la scrittura,mi aiuta da sempre a fermarmi,a a focalizzare il nocciolo della questione ed imprimerlo.La scrittura è per me la fotografia di quello che ho dentro.Buona rinascita anche a te,vedrai quante cose belle ti porterà quest'anno nuovo,perchè sai attrarle e vederle.Namastè.

      Elimina
  3. Si respira una grande aria fresca leggendoti! Credo che terró presente questo tuo post da riguardare ogni tanto!! Un grande augurio col cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!Non sai quanto siano importanti per me i vostri commenti.Ti auguro un anno luminoso,così come sei tu.Un abbraccio.

      Elimina
  4. Cara Chandana, sono felice di aver incontrato il tuo blog e ora di aver letto questo post. Le tue parole mi sono arrivate tanto profonde quanto in simpatico movimento. Sono molto d'accordo sul fatto che si parte da dentro, da cose che sembrano piccole, per andare fuori, a vivere cose che sembrano grandi. Continuerò a leggerti. Ti ho aggiunta su google tra le persone che seguo. Grazie, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatrice, benvenuta e grazie per il tuo commento!
      Ti ho appena aggiunta anch'io!
      Ti abbraccio, a prestissimo!

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥