lunedì 28 aprile 2014

Di Morti e Rinascite e PrimaVera

Come descrivere l'intenso agglomerato di situazioni, incontri, emozioni che ho vissuto intensamente negli ultimi giorni? Solo qualche giorno fa scrivevo:

Ci sono giornate, come questa, in cui tutto di tocca da vicino e morte e vita si intrecciano e ti lasciano stupefatta. La morte improvvisa di un signore gentile, un custode di gelsi, che ho visto solo una volta  ma che mi aveva colpita- che ha sconvolto tutta la comunità- e poi la Vita che scorre inesorabile. C'è chi muore e chi rinasce e dopo tanti giorni di fiato sospeso, a volte lacrime, e preoccupazioni familiari. Ho potuto svegliare una persona cara e dirle: "I controlli sono andati bene, non hai niente" e vedere il suo sorriso che spunta da sotto le coperte, le lacrime emozionate di mia nonna e sentire, ovviamente, il mio cuore che batte come un tamburo. Se avessi detto: "Non morirai" sarebbe stata la stessa cosa...

Queste sono giornate forti, da ricordare.

E poi c'è lei, che è andata a farsi bella, perché la casa stava svanendo sotto chili e chili di pelo, e sa di esserlo perché si pavoneggia da tutto il giorno.



E ancora, in famiglia, l'emozione è forte.
Mi rendo conto di essere una persona abbastanza singolare, qualsiasi cosa succeda, mi sento sempre nell'occhio nel ciclone, così sembra che la mia vita sia perfetta, che io non abbia mai problemi. Non è così, li ho e, a volte, anche più di quelli che ho intorno e si lamentano ma ho degli strumenti a disposizione e li utilizzo. Amo la mia esistenza e so che è perfetta così. Questa può essere l'unica differenza. Stare nell'occhio del ciclone vuol dire fidarsi, sapere, nel profondo del cuore che tutto va bene, che ogni cosa è giusta così, anche se in quel momento ci fa piangere. So che, qualunque cosa accada, le difficoltà sono solo momentanee. Se c'è da piangere piango e, quando mi sono svuotata, esco e mostro al mondo il mio sorriso sincero che è come l'arcobaleno dopo la pioggia. Ecco il "segreto".
Mi sento forte, fortissima ma so anche flettermi se tira troppo vento. Non mi spezzo perché il mio nucleo è indissolubile e dovrebbero saperlo tutti, quel sapere che non è solo intellettuale ma che scaturisce da un click. Come ha detto qualcuno: "La vita è uno stato mentale" e questo lo so bene.

Intanto ieri siamo stati qui, in un piccolo angolo indo-salentino, per l'occasione.


Abbiamo bevuto un chai, ascoltato dell'ottima musica e salutato quegli amici che vediamo una, due volte l'anno ma che ogni volta ti accolgono con il loro radioso sorriso e la loro disarmante semplicità. Tra gli ulivi e il vento della nostra terra, sotto un tiepido sole.

La Vita è bella! :-)

19 commenti:

  1. Leggo spesso dentro i tuoi post un tentativo estremo di ricercatezza del bello.
    Malgrado tutto.
    Malgrado tutti.
    Quel senso di "dai cazzo! gliela posso fa!"
    E' bello e piacevole e fa sorridere a volte.
    Io non riesco.
    Non ce la faccio proprio.
    Vorrei lasciarmi contagiare.
    Ma tengo con me solo le malinconie più pesanti.
    Quasi come se fosse il mio karma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di leggere che mi leggi. Non si tratta proprio di un tentativo estremo di ricercatezza del bello, non mi sforzo. Sono proprio così, credimi che se mi sforzassi non ci riuscirei :D Utilizzo gli strumenti a disposizione ma come un bel gioco. Così è la Vita, un Gioco, non qualcosa di pesante. Almeno per noi che abbiamo da mangiare, bere e un tetto sopra la testa dovrebbe essere così. Non si tratta di una scelta mentale ma di un qualcosa che scaturisce da dentro. Non porto dentro le malinconie pesanti, le libero come farfalle e le lascio andare perché non ne ho bisogno. Un abbraccio

      Elimina
    2. Tutto questo accade perché ho avuto e ho il coraggio di vivere i dolori della vita, quando si presentano, solo così si possono trasformare. Non serve rinchiuderli o negarli, altrimenti si cristallizzano. Di base però forse c'è uno slancio in più che altri non hanno, quella risalita a galla.

      Elimina
    3. prendo e metto in saccoccia...
      servirà...

      Elimina
    4. Faccio lo stesso con te, l'intensità dei tuoi post è sconvolgente.

      Elimina
  2. Ciao cara, ti ho appena citata in un post perchè ieri ho visto dei mandala simili ai tuoi e ti ho pensata!!!
    Un saluto

    RispondiElimina
  3. Ciao, passo da te con un invito, ti va?
    buona giornata!
    http://vittoria-vittolibri.blogspot.it/2014/04/sfida-di-poesia.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'invito, cercherò di inserirlo nel prossimo post.

      Elimina
  4. E' bellissimo scoprire che, anche di fronte ai dolori e alle delusioni della vita, dentro di noi esiste e resiste quel nucleo nascosto, cristallino, magico e incorruttibile che è la parte più autentica di noi. E' una scoperta che ho fatto negli ultimi anni e che mi da forza.
    Un saluto!
    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgia, sono felice di leggere queste parole, sono importantissime. Grazie di cuore, un bacio.

      Elimina
  5. Non so se hai letto la mia risposta al tuo commento da me, ma siamo telepatiche. Proprio ieri sera ho lasciato aperto sul pc questo articolo da leggere per stamattina. Era da tanto che non passavo qui ed è buffo che abbiamo deciso entrambe di leggerci proprio lo stesso giorno! Ben ritrovata...ti trovo in grande forma mentale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ti ho scritto stanotte, adesso corro subito a leggere la risposta e poi nel pomeriggio o stasera faccio un giretto nei blog che hai citato. Ieri sono riuscita ad andare sono nel blog del Frutto, morivo di sonno :-) È bello ritrovarsi :-)

      Elimina
  6. I tuoi post sono a dir poco stupendi!

    Grazie per tutto.

    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che bello leggere il tuo commento grazie a te per accoglierli nel cuore. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  8. quell'arcobaleno… quel sorriso dopo la tempesta. c'è sempre un regalo inaspettato, dietro i tuoi splendidi post. oggi mi ricorderò dell'arcobaleno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tu che sai coglierlo perché hai cuore e occhi per farlo. Ti voglio bene.

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥