venerdì 30 maggio 2014

Il tabù dei soldi

Nell'ultimo periodo è capitato di uscire spesso, anche per due-tre giorni di seguito, per incontrare "nuove" anime. Il ponte di congiunzione con loro sono sempre stati i mandala- e l'India- e questo mi fa riflettere. Quando ho iniziato a tessere, per gioco, l'ho fatto per me, presa dell'entusiasmo. Le richieste sono arrivate dall'esterno e così è lo stesso per i laboratori, mi sono solo lasciata andare al flusso.
Ho capito bene cosa vuol dire fare le cose per il gusto di farle, senza avere aspettative perché accade sempre qualcosa di magico.
Nello stesso modo non avevo idea di cosa fare quest'estate ed è arrivato un invito... con grande gioia torneremo nella amata e mistica Assisi.
In questo periodo ho anche analizzato il mio rapporto con i soldi che da qualche tempo scarseggiano nel mio portafoglio. Mi sono resa conto di alcune credenze auto-limitanti che mi sono imposta.
Tutto iniziò proprio quando scoprii, molto tempo fa, la storia di cui parla Francesca che a sua volta cita lei (che bello scambio!). Mi sono fissata così tanto che potevo vivere senza soldi, o quasi, che ci sono più o meno riuscita anche se non ai livelli drastici della signora in questione.

Si può fare, esiste il baratto, esistono le comunità che ti ospitano in cambio di vitto e alloggio (ma questo io non l'ho fatto), esiste l'auto-produzione, la bicicletta (se vivi in città), la spesa gratis nella natura ecc.
Ho conosciuto così tanti strumenti e ho imparato a utilizzarne qualcuno ma mi sono resa conto che alla fine i soldi sono semplicemente energia che viaggia attraverso pezzi di carta e che forse è più attaccato a essi chi li rinnega rispetto ad altre persone che avendoli sanno gestirli in maniera pulita. Ho capito che mi sono ritrovata "al verde" perché li ho disprezzati (in fondo sono anche una responsabilità, diciamocelo) e perché una parte di me, nel profondo, pensava di non meritarli. Assurdo! Vi risparmio lo shock quando ho scoperto questo di me...

È stato un lungo lavoro di osservazione, che continua. Mi è stato d'aiuto anche lui che ritengo un grande maestro (spero di avere la fortuna di partecipare a un suo seminario prima o poi).
I progressi ci sono e stanno arrivando anche i primi guadagni e così potrò pagarmi il prossimo viaggio.
Ci tenevo a raccontare questo perché proprio tempo fa la mia maestra di yoga accennò al tabù dei soldi, che secondo lei abbiamo soprattutto noi salentini e per via dei blog che ho menzionato su, che mi hanno spinta alla riflessione.
La mia opinione è che tutti i metodi citati su devono essere divulgati perché possono tornare utili a chi attraversa periodi di difficoltà, io stessa continuerò ad utilizzarne alcuni e sono tranquilla che, se un giorno mi troverò sul lastrico, posso sempre andare a lavorare e vivere in una comune e ricominciare da lì.

Adesso però preferisco stare serenamente attenta al portafoglio (e quindi averlo un portafoglio) senza rinunciare a qualche piccolo "lusso". Per esempio, non acquistavo vestiti da un anno circa ma ultimamente sono tornata allo shopping.
Una cosa carina che facevo alle superiori, e che sono tornata a fare, è quella di andare nei mercatini dell'usato. Tutti si complimentavano per il mio abbigliamento originale ma ero solamente una ragazza creativa. Qui vicino casa c'è un mercatino enorme e ormai ci vado anche per vestiti e libri. Mentre a Lecce poi non manca il mercatino itinerante del baratto.
Ho trovato anche il modo di viaggiare quasi gratis... ve ne parlerò presto.
Per concludere, se siamo al verde possiamo trovare il modo di fare così tante cose, non serve disperarci -Che poi il verde è anche il colore della speranza, no?-
Sono cicli della vita, poi le cose cambiano se rimaniamo aperti e ricettivi.
Per me stanno cambiando.
Prima di lasciarvi vi segnalo:

  • Il post di By Nadia con l'intervista a... alla sottoscritta :-) 
  • L'ultimo post sul mio blog di benessere su Atitlan


Namaste!




14 commenti:

  1. Io sono minimalista, non rinnego i soldi, ma li spendo in viaggi ed esperienze, non oggetti. Ormai non compro quasi più nulla, eccetto cose di cui ho davvero bisogno, per esempio quest'anno per me non ho ancora comprato niente, ho ottenuto tutto via baratto ... Però poi mi concedo dei bei viaggi low cost!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, le esperienze sono le "cose" migliori :D vorrei qualche soldino in più proprio per aumentare il numero dei viaggi - e adoro i viaggi low cost- ma ci sto lavorando su :) il tuo approccio mi piace tantissimo :D

      Elimina
  2. Ma sai che il tabù dei soldi credo di averlo pure io?! Questo tuo post ha acceso una lampadina nella mia testa. Forse anch'io sono spesso al verde perchè i soldi penso di non meritarmeli, e quando ai mercatini dell'artigianato devo vendere una mia creazione faccio sempre fatica a fare il prezzo, quasi quasi preferirei regalarla! Ma perchè? Capita anche a te con le cose che crei? Rifletterò...
    A presto :-)
    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgia, hai visto che giro di post hai scatenato? :-)
      E pensare che per me non è stato sempre così, mi sono sforzata di capire perché sia "regredita" su questo e man mano si accendono delle intuizioni. Succede anche a me con le creazioni, si :-) Credo che con il tempo impareremo a focalizzare meglio la cosa :-)

      Elimina
  3. Che blog veramente interessante, per gli argomenti trattati e la maniera con cui vengono descritti..
    Avrei tanto bisogno di sentirti più spesso in questo periodo della mia vita, perchè la tua voglia di fare e decisione, mi intriga molto, in quanto le ho perse proprio tutte.
    Ho un rapporto pessimo con il denaro..purtroppo , per le mei cure , che non sono" bruscolini", devo trattarlo..
    Mi sono iscritta , sarei felice in un tuo prezioso ricambio...
    Grazie e un abbraccio!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, benvenuta! Puoi scrivermi quando vuoi, tra i contatti trovi la mail. Oppure se hai facebook puoi mandarmi un messaggio privato alla pagina www.facebook.com/atitlanatitlan
      Corro subito a trovarti e grazie per la fiducia!
      Un abbraccio dolce.

      Elimina
  4. Gentilissima mia cara amica...da Facebook per violazione alla privacy, è molto che sono uscita..ma ti prometto che appena la mia salute mi darà un po' di tregua , ti verrò a trovare per email..
    Sei un tersoro!
    Vado subito a salvare il tuo bellissimo blog!
    Bacio!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, mi dispiace per la tua salute. Quando vuoi, sono qui.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Uh Uh Uh... il discorso del viaggiare quasi gratis mi intriga... ma sta a vedere che sarà qualcosa a cui possono accedere solo i giovani!!! Aimè, è dura avere il cuore e l'anima di una ventenne ma scoprire che fra 8 giorni ne compirai 46!!!
    Il discorso dei soldi ha colpito davvero!!! D'altro canto con i soldi si vive, o almeno si crede di vivere, e quindi il discorso ha suscitato tanto interesse. Io spendo praticamente solo per mangiare ma appena l'orto comincerà a produrre, limiterò tantissimo anche li. Per i vestiti anche io sarà un anno che non compro nulla nei negozi (ma adesso non posso più rimandare - non so più come vestirmi per andare a lavorare e in tribunale non posso andare in ciabattine e gonnoni lunghi!!!) Mi sa che dovrò fare anche io un po' di shopping anche se solo la parola mi fa venire l'itterizia!!!
    La vita va avanti con i suoi ritmi e io l'assecondo!!!
    Un bacio
    Francesca
    P.S. Ho ordinato in Biblio il libro "Vivere senza soldi". Ti farò sapere com'è!!! Anzi, lo farò sapere a tutti con un post sul blog appena l'avrò ketto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No cara, non possono accedere solo i giovani e ti ricordo che tu sei giovanissima :D Se ti consola ho amici che vanno verso i settanta e girano il mondo :-) E non sono ricchi (però sono dei risparmiatori) se non d'animo :D Purtroppo non abbiamo lo spazio per un orto ma mi consolo con le piantine aromatiche. Tienici aggiornati sulle produzioni del tuo. Anch'io ho dovuto fare shopping perché non avevo più nulla di decente (anche perché sono ingrassata e quindi...) e ti dirò, per una volta mi sono anche divertita :D C'è anche un negozio che vende cose nuove ma a poco prezzo, sono andata anche lì. Mi ha fatto sorridere l'idea di te che vai in tribunale in gonnellona :-)
      Non vedo l'ora di leggere la tua recensione.
      Baciotti.

      Elimina
    2. be, ma allora se è così, facci sapere subito come fare per viaggiare quasi gratis... Viaggiare mi manca da morire!!!
      Un bacione
      Francesca

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥