domenica 16 novembre 2014

Saluti da Budapest

Vi scrivo da una cameretta colorata, con un grande albero dipinto vicino il letto. Il muro, nemmeno  a farlo apposta, è maroon, il colore della robe, la tunica dei neo sannyasin. 
Dalla finestra brillano le lucine su una collina.
Siamo a Budapest.

Questa è una tappa inaspettata del viaggio ed è proprio vero che se viviamo la Vita privi di aspettative giungono Doni incredibili. 

Budapest è magica, ti giri e sembra di trovarti in un mondo incantato, non mi stupirei se vedessi degli unicorni volare sopra le nostre teste. 
Siamo arrivati qui con un passaggio trovato su bla bla car , il viaggio, condiviso con un'altra coppia, si è rivelato piacevole e rilassante. Il motivo della nostra visita è dovuto a un seminario di Ho'oponopono... (conoscete Ho'Oponopono?)

Accade tutto velocemente, non c'è nemmeno il tempo di adattarsi che le cose cambiano ancora. Delle volte mi sembra di stare in un immenso Luna Park dove visi, voci, lingue si alternano velocemente.
Prima di arrivare qui, abbiamo dovuto lasciare casa da un giorno all'altro e questo mi ha destabilizzata un po', nonostante lui ripetesse in continuazione di fidarmi, che tutto sarebbe andato bene. 
E così è stato...
Abbiamo vissuto per un po' in un centro culturale, una comune, con ragazzi e ragazze di tutto il mondo, condividendo sorrisi, abbracci, allegria, musica, meditazione, cibo. 
Domani passeremo l'ultima notte lì dopo aver lasciato Budapest e poi torneremo nel nostro Salento, tra gli ulivi. 

Questo è un periodo di trasformazione profonda, in alcuni momenti è stato difficile, ho cercato di resistere al cambiamento, ma adesso vivo nella fase di rilascio... questo Amore mi fa rimescolare le carte, rimettere tutto in discussione, abbandonare ogni certezza... riporta alla luce parti di me che erano sepolte chissà dove. Un Amore pazzo, ribelle, un po' fuori dalle righe.

La stanza dei workshop, dove dormiamo nella comune, protetti dagli spiriti degli Alberi

I nostri Mandala Fiocchi di Neve in una vetrina di Vienna

Budapest

Amore

Giocando

Budapest, luoghi fatati


Scorcio poetico

Mi sento Grata per tutto questo, sono fortunata.
E' anche vero che ho avuto Coraggio... e sono sempre più decisa e seguire la mia Voce Interiore.

Namastè 

10 commenti:

  1. Budapest incanta, soprattutto in inverno ... Bellissime tutte queste avventure, che pienezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, è stupenda! Ho vissuto un sogno :) Grazie di leggere le mie avventure :)

      Elimina
  2. Sulla tua storia pazza e bellissima ci dovrebbero fare un film :) (di quelli fighi di nicchia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari un giorno ci scriverò un libro dal quale gireranno un film :D Scherzo :D Un abbraccio bella :D

      Elimina
  3. Che avventura, Sara! sono con te!!! e che belli i mandala-fiocchi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piacciano :D Grazie del tuo sostegno :D

      Elimina
  4. continua a seguire la tua voce interiore........vedi che cose meravigliose ti porta? Emanuela

    RispondiElimina
  5. Fai bene a seguire i tuoi sogni!!! Budapest, ci vado a gennaio.. ne parlano tutti bene e non vedo l'ora!

    RispondiElimina

☾ Tat Tvam Asi ♥