domenica 18 ottobre 2015

Lo spirito della casa

Se ne è andata l'anima della casa, mi è arrivata questa consapevolezza mentre preparavo il caffè a casa di mio padre.
Siria è stata la mia cagnolina per ben 15 anni, la mia lupetta adottata dal canile. Ricordo un pomeriggio in un paesino vicino Lecce, con un mio ex storico, a guardare dei cuccioli in un negozio di animali. Erano in regalo perché abbandonati davanti a un canile e la proprietaria del negozio collaborava con l'Enpa, l'ente di protezione animali.
Lei mi chiamava con quei teneri occhioni e non ho saputo resistere.
Avevo perso la mamma da un annetto e l'arrivo di quel cucciolo ha portato tanto calore nella mia vita, in quella dei miei fratelli e di mio padre.
Ricordo che non avvisai nessuno della mia intenzione di adottare un cucciolo, semplicemente la presi e me la portai a casa in una piccola scatola. Quando mio padre tornò dal lavoro ci trovò per terra, chini sulla cesta in cui l'avevo messa tra coperte calde, ad ammirarla già innamorati e non ebbe il coraggio di dire nulla.

Sarà che ero presente quando la mamma è morta, o che ho una sensibilità particolare, ma vedo l'impronta della morte sugli esseri viventi, so quando se ne stanno per andare, anche quando sembra stiano bene, ed io già da quest'estate ho iniziato a salutarla.

Il suo passaggio mi genera tristezza ma so che lei adesso è ovunque...

Ieri mattina i miei fratelli l'hanno sepolta in campagna di mia nonna, di mattina presto. Io non sono andata, non me la sentivo, eppure oggi il Cappellaio Matto mi ha chiesto se volessi passare, lui che sa sempre tutto, o quasi, quello che mi fa star bene.
Aveva anche portato degli incensi acquistati insieme in India, per accenderlo dove è stata sepolta e mi aveva regalato delle piantine grasse.

Così quando siamo andati in campagna ho scoperto che i miei fratelli, senza nemmeno saperlo, l'avevano sepolta sotto il mio albero amato, quello giovane di carrube, quello che bacio e ringrazio ogni volta che vado in campagna. Abbraccio e ringrazio anche altri alberi ma a questo in particolare do sempre un bacio.

Ho piantato le due piantine proprio su quella terra riposta con cura dalle mani dei miei fratelli e ho acceso un incenso, accarezzando quella terra, poi dopo un poco ce ne siamo andati.

Immagine da web, trasformazione...


"Umano, vedo che stai piangendo perché è arrivato il mio momento. Non piangere, per favore, ti voglio spiegare alcune cose.
Tu sei triste perché me ne sono andato, ma io invece sono felice perché ti ho conosciuto.
Quanti come me ogni giorno muoiono senza aver conosciuto qualcuno di speciale?
Gli animali a volte passano così tanto tempo da soli, senza mai conoscere qualcuno. Conosciamo il freddo, la sete, il pericolo e la fame; dobbiamo preoccuparci di trovare qualcosa da mangiare e pensare a dove proteggerci la notte.
Vediamo volti tutti i giorni che passano senza mai guardarci, e a volte è meglio che non ci vedano.
A volte abbiamo la grande fortuna che tra le tante persone passa un angelo e ci raccoglie; a volte gli angeli vengono in gruppo, a volte ci sono altri angeli lontani che inviano tanti aiuti per noi. E questo cambia tutto. Se necessario ci portano da un altro tipo di angelo che ci cura.
Ci scelgono una parola che pronunciano ogni volta che ci vedono, un nome, penso si chiami così, questo indica che siamo speciali; abbiamo smesso di essere anonimi per essere uno dei tanti, ma anche un po di voi.
Da qui capiamo che quella è una casa!
Riuscite a capire quanto questo è importante per noi? Non dovremo mai più avere paura, freddo, fame o sentire male.
Se solo poteste calcolare quanto ci fa felici!
Non ci interesserà più se piove, se passerà una macchina molto velocemente o se qualcuno ci farà del male; ma soprattutto, non siamo soli, perché nessun animale gradisce la solitudine, cosa si puó chiedere in piú?!
So che ti rattrista la mia partenza, ma devo andare ora.
Promettimi che non biasimerai te stesso, ti ho sentito dire che avresti potuto fare di piú per me, non dirlo hai fatto molto per me! Senza di te non avrei conosciuto niente di tutta la bellezza che porto con me oggi.
Devi sapere che noi animali viviamo il presente: godiamo di ogni piccola cosa di tutti i giorni e dimentichiamo il passato se ci sentiamo amati; le nostre vite cominciano quando conosciamo l'amore, lo stesso amore che tu mi hai donato, il mio angelo senza ali ma con due gambe.
Voglio che tu sappia che, se trovi un animale gravemente ferito e che gli resta poco tempo, farai un grande gesto se gli starai accanto accompagnandolo nel suo passaggio finale, perché come ti ho detto prima a nessuno di noi piqce star solo, ancora meno quando ci rendiamo conto che è arrivato il momento di andare; forse per voi non è così importante avere qualcuno al vostro fianco che vi sostiene e ci aiuta ad andare con serenità.
Ma ora non piangere più, per favore. Io sarò felice, mi ricordo il nome che mi hai dato, il calore della vostra casa che é diventata anche la mia. Io mi ricordo il suono della tua voce quando parlavi con me, e anche se non sempre capivo tutto quello che mi dicevi io lo porterò nel mio cuore, insieme a ogni carezza che mi hai dato.
Tutto quello che hai fatto è stato molto importante per me è io ti ringrazio profondamente, non so come spiegarmi ora, perché non parlo la tua lingua, ma penso e spero che tu abbia visto la gratitudine nei miei occhi.
Prima di andare ti chiedo solo due favori: lavati il viso e comincia a sorridere.
Ricordati che è bello vivere insieme qualsiasi momento, anche questo; ricordati delle cose che ci facevano felici e per cui ridevamo. Rivivi con me tutto il bene che abbiamo condiviso in questo tempo e non dirmi che non adotterai un altro animale perché hai sofferto troppo la mia partenza; senza di te non avrei mai conosciuto le bellezze che ho vissuto, quindi per favore, non farlo.. sono in tanti che, come me, stanno aspettando qualcuno come te.
Dai anche a loro quello che hai dato a me, ne hanno bisogno, come io avevo bisogno di te.
Non conservare l'amore che puoi donare per paura di soffrire.
Segui il mio consiglio, valorizza quello che puoi dare a ognuno di noi, perché tu sei un angelo per noi animali, perché senza persone come te la nostra vita sarebbe ancora più difficile di come già, a volte, è.
Segui il tuo nobile compito, ora saró io il tuo angelo, ti accompagneró nel tuo cammino e ti aiuteró ad aiutare gli altri come me.
Ora vado a parlare con gli altri animali che sono qui con me, vado a raccontargli tutto quello che hai fatto per me e dirò con orgoglio: "Questa è la mia famiglia!".
Il mio primo compito ora è quello di aiutarti a essere meno triste, quindi stasera quando guarderai il cielo e vedrai una stella lampeggiare sappi che
quella stella saró io che ti avviseró che sto bene e che ti ringrazieró per tutto l'amore che mi hai dato.
Ora vado, non dicendo "addio", ma "a presto".
C'è un cielo speciale per persone come voi, lo stesso cielo dove siamo noi e la vita ci ricompenserà facendoci ritrovare.
Io saró li che ti aspetto! 


Siria, ph. Matteo Benegiamo 

8 commenti:

  1. Dolce Chandanina, quello che hai fatto è bello e poetico e ti capisco. Tre anni fa morì la nostra cagnolina Pimpa e ho provato le tue stesse sensazioni. Era una cagnolina buona e piena di problemi: presa al canile con gravi traumi da maltrattamento, non si lasciava avvicinare da nessuno ma con noi era una meravigliosa coccolona. Gli ultimi anni aveva anche l'epilessia, curata con farmaci e tanto amore. L'abbiamo seppellita nel nostro giardino e sopra la sua tomba cresce un glicine.
    Ti abbraccio forte forte
    FRancesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben ritrovata oh mia dolce amica <3 Pimpa era il mio fumetto preferito da bambina, sai? Ricordo che mi parlasti di questa cagnolina... è meraviglioso che ci sia un glicine sopra la sua tomba, la Vita che si rinnova. Un abbraccio forte forte, tua Chandanina <3

      Elimina
  2. Noi abbiamo sepolto uno dei nostri primi cani, in India, amatissimo e mai dimenticato, sotto un albero di mango. Come ti capisco. Un pensiero per Siria, e per tutti i ns amores perros che nn se ne vanno mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Clara... gli alberi sono dei gentili custodi dei nostri amici a 4 zampe. Un abbraccio, ovunque tu sia.

      Elimina
  3. il mio Cajon, il mio nipotino peloso, soprannominato anche " Gamba secca " o " culo secco" ci ha lasciato 5 anni fa, a soli 4 anni, in una maniera così atroce che non so neppure scriverla.
    E' stato uno dei dolori più atroci della mia vita e so di non esagerare.
    Pensa che, pochi giorni fa, mettendo in ordine un cassetto, ho trovato un quaderno scritto in quei giorni, perchè scrivere mi serviva un po' a lenire, almeno momentaneamente, il dolore.
    ora riesco a pensargli sorridendo.
    ora, però, come allora, darei non so cosa per avere un sua leccata o per averlo a dormire con me, infilato sotto le coperte.
    so che ci aspetta, di là del Ponte dell'Arcobaleno.E questo mi rasserena e mi rassicura.
    un abbraccio
    Emanuela
    PS. Cajon è in toscana, sotto un pesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... A quanto pare gli alberi sono i luoghi migliori per i nostri amici, non potrei immaginare altri posti. Si, è vero, sono dolori atroci e solo chi ha un amico a 4 zampe può capire... mi piace immaginare Siria e Cajon scorrazzare felici oltre il Ponte Arcobaleno :) BACI

      Elimina
  4. Ti mando un forte abbraccio, per cominciare.
    Molti non capiscono lo strazio che può portare la perdita di un animale che abbiamo amato e con cui abbiamo condiviso la quotidianità per anni.
    La morte della mia Gatta Rossa, ormai molti anni fa, è stato il mio primo incontro con la morte, e ricordo ancora quanto mi sono sentita lacerata quando tornando a casa vidi mio padre in cima alle scale ad aspettarmi. Sapevo esattamente cosa voleva dirmi.Non è stata per me "solo un gatto" ma quella con cui mi sono addormentata tutte le sere dai nove ai diciannove anni, e improvvisamente percepire la sua perdita fu come cadere in un pozzo profondissimo.
    è nel giardino di mia nonna fra gli arbusti di rose, al sicuro...è e resterà una delle creature che ho più amato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio a te carissima. Anche la tua pelosa è nella natura, questo mi tocca e mi commuove. Seppelliamo i nostri amici riposano tra gli alberi e le rose profumate e forse nella natura sentiremo un pochino meno la loro mancanza <3

      Elimina

☾ Tat Tvam Asi ♥